Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20280 del 04/10/2011

Cassazione civile sez. lav., 04/10/2011, (ud. 14/07/2011, dep. 04/10/2011), n.20280

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – rel. Consigliere –

Dott. FILABOZZI Antonio – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 20983/2007 proposto da:

B.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MONTE

ASOLONE 8, presso lo studio dell’avvocato VERTICCHIO Carmine, che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato BOIOCCHI PIERLUIGI,

giusta delega in atti;

– ricorrente –

contro

PACCANI MACCHINE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DORA 1, presso lo

studio dell’avvocato LORIZIO ATHENA, che la rappresenta e difende,

giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 198/2006 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 25/07/2006 R.G.N. 293/05;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/07/2011 dal Consigliere Dott. GIANFRANCO BANDINI;

udito l’Avvocato MARIA ATHENA LORIZIO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro, che ha concluso per l’estinzione del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 27.4 – 25.6.2006 la Corte d’Appello di Brescia rigettò l’impugnazione proposta da B.G. nei confronti della Paccani Macchine spa avverso la sentenza di prime cure che aveva respinto la domanda del B. di liquidazione, anche per il 2002 (anno di cessazione del rapporto), de premio aziendale erogatogli per ciascun anno pregresso; a sostegno del decisum la Corte territoriale rilevò che l’assunto dell’appellante secondo cui le pregresse erogazioni avrebbero dovuto essere ricondotte ad uno specifico accordo tra le parti costituiva una prospettazione del tutto nuova – essendo stato dedotto nel ricorso introduttivo che il premio di che trattasi era stato sempre erogato “indipendentemente da ogni parametro o presupposto” -, e, come tale, modificativa della causa petendi ed inammissibile in sede di gravame, ostandovi il divieto di cui all’art. 437 c.p.c.; escluse quindi la Corte territoriale che, nella specie, fosse ravvisabile, riguardo all’erogazione in parola, un uso aziendale.

Avverso l’anzidetta sentenza della Corte territoriale B. G. ha proposto ricorso per cassazione fondato su un motivo.

L’intimata Paccani Macchine spa ha resistito con controricorso.

E’ stato successivamente depositato atto di rinuncia al ricorso, accettata dalla parte controricorrente.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

La ritualità della rinuncia e dell’accettazione della medesima comporta la declaratoria di estinzione del giudizio (art. 391 c.p.c.).

Non è luogo a pronunciare sulle spese, stante l’adesione della controricorrente alla rinuncia.

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA