Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20278 del 04/10/2011

Cassazione civile sez. lav., 04/10/2011, (ud. 14/07/2011, dep. 04/10/2011), n.20278

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. LA TERZA Maura – Consigliere –

Dott. BANDINI Gianfranco – rel. Consigliere –

Dott. BRONZINI Giuseppe – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – DIPARTIMENTO PER LA FUNZIONE

PUBBLICA e A.R.A.N. – AGENZIA PER LA RAPPRESENTANZA NEGOZIALE DELLE

PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI, in persona dei legali rappresentanti pro

tempore, domiciliati in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che li rappresenta e difende, ope

legis;

– ricorrenti –

contro

ANPO – ASSOCIAZIONE NAZIONALE PRIMARI OSPEDALIERI, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA MARIA CRISTINA 8, presso lo studio dell’avvocato GOBBI GOFFREDO,

che la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 5297/2004 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 20/02/2006 R.G.N. 5972/02;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/07/2011 dal Consigliere Dott. GIANFRANCO BANDINI;

udito l’Avvocato GOBBI GOFFREDO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAETA Pietro che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

L’Anpo – Associazione Nazionale Primari Ospedalieri, non essendo stata ammessa dall’Aran alle trattative per la definizione del CCNL dell’area medico veterinaria relativo al secondo biennio economico 2000/2001 per non aver raggiunto il 5% delle deleghe rilasciate dai lavoratori in applicazione del D.Lgs. n. 29 del 1993, art. 47 bis propose ricorso ex art. 700 c.p.c., chiedendo che fosse ordinata all’Aran la sua ammissione alla contrattazione collettiva; sulla resistenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’Aran, il Giudice adito dispose l’ammissione con riserva della ricorrente.

Quest’ultima attivò quindi il giudizio di merito avanti al Tribunale di Roma, che respinse la domanda, sostanzialmente sul rilievo che, in mancanza del dato elettorale, occorreva fare riferimento al solo dato associativo.

La Corte d’Appello di Roma, con sentenza del 5.10.2004 -20.2.2006, accolse il gravame proposto dall’Anpo, accertando il diritto dell’appellante a partecipare alla contrattazione collettiva per il secondo biennio 2000/2001.

A sostegno del decisum la Corte territoriale ritenne quanto segue: – nel caso di specie dovevano essere ancora applicate le disposizioni transitorie di cui al D.Lgs. n. 396 del 1997, art. 8, comma 1, lett. b, (come modificato dal D.Lgs. n. 80 del 1998, art. 44), la cui efficacia era conservata fino alla verifica di cui alla successiva lett. g dello stesso comma;

– sulla base delle risultanze di causa era da escludere che l’Aran avesse compiuto quella verifica, “che la legge impernia sulla rilevazione di un doppio dato”;

– la procedura di verificazione era stata effettuata su dati per più aspetti incompleti e dunque inattendibili ed era stata “svolta su uno solo dei dati necessari”, cosicchè “In sintesi la procedura di verificazione fu una procedura apparentemente compiuta ma mai effettivamente e adeguatamente realizzata”, – l’Anpo disponeva di una rappresentatività (4,65%) più alta del 4% sul solo dato deleghe e, peraltro, la rappresentatività rispetto al 5% non era stata ben rilevata;

– la conservata applicabilità della normativa transitoria sulla rappresentatività dava quindi diritto all’Anpo di partecipare alla contrattazione collettiva sulla base del solo dato del 4% delle deleghe.

Avverso la suddetta sentenza della Corte territoriale, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’Aran hanno proposto ricorso per cassazione fondato cinque motivi.

L’Anpo ha resistito con controricorso, eccependo altresì l’inammissibilità del ricorso per carenza di interesse.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. La disamina dell’eccezione di inammissibilità del ricorso sollevata dalla controricorrente è logicamente preliminare. Secondo il costante orientamento di questa Corte di legittimità, l’interesse ad agire, necessario anche ai fini dell’impugnazione del provvedimento giudiziale, va apprezzato in relazione alla utilità concreta derivabile alla parte dall’eventuale accoglimento dell’impugnazione e non può consistere in un mero interesse astratto ad una più corretta soluzione di una questione giuridica, che sia diretta quindi all’emanazione di una pronuncia priva di rilievo pratico (cfr, ex plurimis, Cass., nn. 13091/2003; 15623/2005;

13593/2006; 1755/2006; 11844/2006; 12952/2007; 27006/2007). Nel caso di specie è pacifico che l’Anpo, a seguito dell’ammissione con riserva ottenuta in via cautelare, ha partecipato alle trattative per la definizione del CCNL dell’area medico veterinaria relativo al secondo biennio economico 2000/2001.

Le trattative a cui la controricorrente è stata ammessa, com’è notorio, si sono concluse prima della proposizione del presente ricorso; inoltre dopo il CCNL a cui si riferiscono le trattative di che trattasi sono intervenuti altri contratti collettivi nella stessa area e nessuna domanda collegata alla partecipazione alle suddette trattative da parte dell’Anpo è stata svolta in via riconvenzionale dalle odierne ricorrenti.

Ne discende pianamente che, quand’anche il ricorso meritasse accoglimento, nessun riflesso pratico potrebbe derivare da tale pronuncia; deve dunque convenirsi che, già al momento della proposizione del ricorso, nel febbraio 2007 (e, a fortiori, al momento della presente decisione), era venuto meno l’interesse ad impugnare la decisione di merito.

2. L’eccezione all’esame va dunque accolta, con la declaratoria di inammissibilità del ricorso.

Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti in solido alla rifusione delle spese, che liquida in Euro 50,00 oltre ad Euro 3.000,00 (tremila/00) per onorari, spese generali, Iva e Cpa come per legge.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 4 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA