Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20255 del 22/08/2017

Cassazione civile, sez. VI, 22/08/2017, (ud. 03/05/2017, dep.22/08/2017),  n. 20255

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCHIRO’ Stefano – Presidente –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

Dott. MANZON Enrico – Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8736/2016 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

G.R., elettivamente domiciliato in ROMA, V.LE DELLE

MILIZIE 19, presso lo studio dell’avvocato DANIELA LANIA, che lo

rappresenta e difende unitamente agli avvocati ALDO LUCIO LANIA,

VIRGINIO AZZALINI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 974/2015 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di TORINO, depositata il 02/10/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 03/05/2017 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Con ricorso in Cassazione affidato a due motivi, nei cui confronti la parte contribuente ha resistito con controricorso, l’Agenzia delle Entrate impugnava la sentenza della CTR del Piemonte, relativa a un avviso d’accertamento per Irpef 2006 emesso per una rideterminazione del reddito d’impresa del contribuente (titolare di una ditta individuale artigiana esercente l’attività d’installazione e manutenzione e riparazione d’impianti idraulici e di riscaldamento), con accertamento analitico, sulla base dei ricavi e dei costi dichiarati per l’anno in contestazione, D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 39, lamentando, con un primo motivo, la violazione dell’art. 39 citato, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, e con un secondo motivo denunciando il vizio di nullità della sentenza per inosservanza del D.P.R. n. 546 del 1992, art. 36, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, sul medesimo profilo di censura, in quanto, erroneamente, i giudici d’appello avrebbero ritenuto l’esistenza di costi non dichiarati, in assenza di elementi gravi, precisi e concordanti, fissando, con ragionamento apodittico, un rapporto fra costi e ricavi non dichiarati uguale a quello fra costi e ricavi dichiarati, ritenendo, inoltre, che le operazioni economiche ritenute giustificate dai giudici di primo grado, fossero effettivamente provate, richiamando in maniera generica la verifica della documentazione in atti, con motivazione, pertanto, meramente apparente, perchè priva di qualunque vaglio critico.

Il Collegio ha deliberato di adottare la presente decisione in forma semplificata.

Il secondo motivo, da esaminare prioritariamente in via logica, è da rigettare, poichè la motivazione rispetta il principio del “minimo costituzionale” essendo stata svolta specificamente nella prima parte della sentenza e richiamata nella seconda parte.

Il primo motivo di ricorso, invece, è fondato.

E’, infatti, insegnamento di questa Corte che In tema di accertamento delle imposte sui redditi, e con riferimento all’acquisizione dei movimenti di un conto corrente bancario riconducibili ad un’attività d’impresa, debbono essere considerati ricavi sia le operazioni attive che quelle passive, senza che si debba procedere alla deduzione presuntiva di oneri e costi deducibili, la cui eventuale indicazione e prova è a carico del contribuente” (Sez. 5, Sentenza n. 16896 del 24/07/2014, Rv. 632140 – 01, Sez. 5, Sentenza n. 14675 del 23/06/2006, Rv. 591460 – 01).

Nel caso di specie, i giudici d’appello hanno fissato una proporzione tra costi e ricavi del 70%, sulla base di un ragionamento equitativo non fondato su nessuna presunzione semplice o relativa.

La sentenza merita, pertanto, di essere cassata e la causa rinviata nuovamente alla Commissione tributaria regionale del Piemonte, in diversa composizione, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito della controversia.

PQM

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il primo motivo di ricorso, rigetta il secondo.

Cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Commissione tributaria regionale del Piemonte, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 3 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 22 agosto 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA