Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20255 del 03/10/2011

Cassazione civile sez. II, 03/10/2011, (ud. 15/04/2011, dep. 03/10/2011), n.20255

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 16363-2009 proposto da:

C.S. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’Avvocato CODRINO GIOVANNI, giusta delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope

legis;

– controricorrente –

avverso il provvedimento R.G. 850/09 del GIUDICE DI PACE di NOVARA

del 25.5.09, depositato il 27/05/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

15/04/2011 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;

è presente il Procuratore Generale in persona del Dott. ROSARIO

GIOVANNI RUSSO che nulla osserva.

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c. si legge quanto segue:

“1. – Viene impugnata ordinanza con cui il Giudice di pace, inaudita altera parte, ha dichiarato inammissibile, attesa la propria incompetenza territoriale, il ricorso ex art. 204 bis C.d.S. proposto dalla sig.ra C.S. avverso verbale di accertamento elevato dalla Polizia Stradale.

La sig.ra C. ha quindi proposto ricorso per cassazione per un motivo, cui ha resistito con controricorso il Ministero dell’Interno.

2. – Con l’unico motivo di censura si deduce che l’ordinanza di inammissibilità inaudita altera parte può essere pronunciata, ai sensi della L. 24 novembre 1981, n. 689, art. 23 soltanto in caso di tardività del ricorso, mentre in tutti gli altri casi il giudice deve disporre l’instaurazione del contraddittorio con l’amministrazione.

2.1. – Il motivo è ammissibile, concludendosi – ad onta dell’eccezione di parte controricorrente – con la formulazione di un quesito adeguato, ed è altresì fondato, in quanto l’incompetenza del giudice non poteva essere dichiarata con ordinanza inaudita altera parte – che la L. n. 689 del 1981, art. 23, comma 1, riserva alla sola declaratoria della tardività del ricorso in opposizione – ma andava dichiarata con sentenza emessa all’esito del giudizio nel contraddittorio delle parti (Cass. 18599/2005 e successive conformi)”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che detta relazione è stata ritualmente comunicata al P.M. e notificata agli avvocati delle parti, i quali non hanno presentato conclusioni o memorie; che la stessa è condivisa dal Collegio; che, pertanto, il ricorso va accolto e l’ordinanza va cassata con rinvio, per un nuovo esame nel contraddittorio delle parti, al giudice indicato in dispositivo, il quale provvederà anche sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa l’ordinanza impugnata e rinvia, anche per le spese, al Giudice di pace di Novara in persona di altro giudicante.

Così deciso in Roma, il 15 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 3 ottobre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA