Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20100 del 23/09/2010

Cassazione civile sez. II, 23/09/2010, (ud. 27/05/2010, dep. 23/09/2010), n.20100

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 25381/2008 proposto da:

S.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

DARDANELLI 21, presso lo studio dell’avvocato VAGLIO MAURO,

rappresentato e difeso dall’avvocato INTERNULLO Carmelo, giusta

procura in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

AZIENDA AGRICOLA PALUMBO STEFANIA, in persona del suo legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

DEL GESU’ 46, presso lo studio dell’avvocato ZATTONI Enrico, che la

rappresenta e difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 967/2008 del TRIBUNALE di BERGAMO, depositata

il 10/04/2008;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

27/05/2010 dal Consigliere Relatore Dott. CARLO DE CHIARA;

udito l’Avvocato Alberti Giuliana, (delega avvocato Zattoni Enrico),

difensore della controricorrente che si riporta ai motivi;

è presente il P.G. in persona del Dott. ROSARIO GIOVANNI RUSSO che

nulla osserva rispetto alla relazione scritta.

 

Fatto

PREMESSO IN FATTO

che nella relazione ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., si legge quanto segue:

“L’ing. S.G. ricorre per cassazione avverso sentenza di appello con cui, in riforma della sentenza di primo grado, è stato escluso il suo diritto nei confronti della sig.ra P. S. al compenso di prestazioni professionali – consistite nel collaudo statico di un edificio di proprietà della convenuta – sul rilievo del difetto di prova del conferimento del relativo incarico.

Con l’unico motivo di ricorso, denunciando vizio di motivazione, si contesta appunto la statuizione del predetto difetto di prova assunta dal giudice di appello. Sennonchè le censure, così come formulate in ricorso, si rivelano inammissibili, sollecitandosi, di fatto, questa Corte ad una pura e semplice nuova valutazione del materiale probatorio, diversa da quella espressa dal secondo giudice”.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che detta relazione è stata ritualmente comunicata al P.M. e notificata agli avvocati delle parti;

che il solo avvocato del ricorrente ha presentato memoria, la quale, però, non vale a superare le considerazioni svolte nella relazione;

che, in particolare, la circostanza – evidenziata dal ricorrente – della necessità del collaudo ai fini dell’ottenimento della licenza di abitabilità dell’opera in cemento armato, poi effettivamente ottenuta dalla P., non è di per sè decisiva, non essendo logicamente incompatibile con il conferimento dell’incarico da parte dell’impresa appaltatrice dei lavori – come ipotizzato dal Tribunale – piuttosto che dalla committente sig.ra P.;

che pertanto il ricorso va dichiarato inammissibile;

che le spese del giudizio di legittimità, liquidate in dispositivo, seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, liquidate in Euro 800,00, di cui Euro 600,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 27 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 23 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA