Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20096 del 11/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 11/08/2017, (ud. 07/07/2017, dep.11/08/2017),  n. 20096

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice – Presidente –

Dott. LOMBARDO Luigi Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. PICARONI Elisa – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

Dott. SCALISI Antonino – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 21118-2016 proposto da:

D.L. e DI.BA.GI., elettivamente domiciliati

in Roma, Via Filippo Nicolai 16/A, presso lo studio dell’avvocato

Piero Conti, che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

DI.BA.MA., DI.BA.MA.LU. e C.L.,

elettivamente domiciliati in Roma, Via Montemignaio 31, presso lo

studio dell’avvocato Luciano Picco, che li rappresenta e difende;

– controricorrenti –

nonchè contro

M.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 988/2016 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 15/02/2016;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/07/2017 dal Consigliere LOMBARDO LUIGI GIOVANNI.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

– D.L. e Di.Ba.Gi. hanno proposto quattro motivi di ricorso per la cassazione della sentenza di cui in epigrafe, con la quale la Corte territoriale, in riforma della pronuncia di primo grado, ebbe a dichiarare che il fondo di loro proprietà era gravato da servitù di passaggio costituitasi per destinazione del padre di famiglia in favore del fondo di Di.Ba.Ma., Di.Ba.Ma.Lu. e C.L. (eredi dell’originario convenuto Di.Ba.Sa., deceduto nelle more del giudizio);

– Di.Ba.Ma., Di.Ba.Ma.Lu. e C.L. hanno resistito con controricorso;

– M.L., ritualmente intimata, non ha svolto attività difensiva;

– la parte ricorrente ha depositato memoria;

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

– il Collegio, anche avuto riguardo alla memoria depositata dalla parte ricorrente, ritiene che non sussista l’evidenza decisoria con particolare riferimento al requisito della “apparenza” della servitù.

PQM

 

rimette la causa alla pubblica udienza presso la Seconda Sezione Civile.

Così deciso in Roma, il 7 luglio 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA