Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20073 del 30/09/2011

Cassazione civile sez. I, 30/09/2011, (ud. 01/07/2011, dep. 30/09/2011), n.20073

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

L.R., elettivamente domiciliato in Roma Via dei Condotti

9, presso lo studio dell’avv.to Giuseppina Schettino, rappresentato e

difeso dall’avvocato MANNETTA Antonio, giusta procura a margine del

ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

T.M.F., domiciliata in Roma presso la Cancelleria

della Corte di Cassazione, rappresentata e difesa dall’avvocato

TEDESCHI Luigi, giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2606/06 della Corte di appello di Napoli,

emessa il 7 luglio 2006, depositata il 4 agosto 2006, R.G. n.

1762/06;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 1 luglio 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARESTIA Antonietta, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

1. L.R. proponeva appello contro la sentenza del 27 dicembre 2005 del Tribunale di Ariano Irpino che aveva dichiarato la sua separazione personale da T.M.F. addebitandogli la responsabilità della separazione, assegnando la casa coniugale alla T. e fissando, in suo favore, un assegno mensile di mantenimento di 200,00 Euro nonchè un contributo mensile per ciascuna delle figlie di 250,00 Euro;

2. L’appello è stato dichiarato inammissibile dalla Corte di appello di Napoli che ha accertato la sua tardività ex art. 325 c.p.c..

3. Ricorre per cassazione L.R. affidandosi a un unico motivo di impugnazione con il quale deduce la violazione e falsa applicazione di norme di diritto ex art. 360 c.p.c., n. 3, in relazione agli artt. 155 e 324 c.p.c..

4. Si difende con controricorso T.M.F..

5. Il ricorrente sottopone alla Corte il seguente quesito di diritto ex art. 366 bis c.p.c.: “posto che il termine breve di impugnazione (trenta giorni) decorre dal giorno successivo alla notifica della sentenza, ai sensi dell’art. 155 c.p.c., comma 1, art. 325 c.p.c., comma 1, può il giudice investito dell’appello legittimamente computare quale termine finale un giorno festivo?” 6. La Corte, riunita in camera di consiglio, ha deliberato di adottare una motivazione semplificata.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

Che:

il ricorso è fondato non avendo la Corte di appello calcolato correttamente la durata del termine breve di impugnazione in quanto non ha tenuto conto della festività interessante l’ultimo giorno di decorrenza del termine prima dell’avvenuto deposito del ricorso in data 6 marzo 2006.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese del giudizio di cassazione alla Corte di appello di Napoli in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 1 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 30 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA