Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20067 del 22/09/2010

Cassazione civile sez. I, 22/09/2010, (ud. 11/06/2010, dep. 22/09/2010), n.20067

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – rel. Consigliere –

Dott. SCHIRO’ Stefano – Consigliere –

Dott. DIDONE Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

PREFETTURA DELLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA, in persona del Prefetto

pro tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura generale dello

Stato, e presso gli Uffici di questa domiciliata in Roma, Via dei

Portoghesi, n. 12;

– ricorrente –

contro

C.C.G.E.;

– intimato –

per la cassazione del decreto del giudice di pace di Alessandria

depositato in data 26 giugno 2009.

Udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

giorno 11 giugno 2010 dal Consigliere relatore Dott. Vittorio

Zanichelli.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La Prefettura di Alessandria ricorre per cassazione avverso il decreto in epigrafe con il quale è stata accolta l’opposizione proposta avverso il decreto di espulsione emesso in data 16 novembre 2005 dal Prefetto di D.Lgs. n. 286 del 1998, ex art. 14.

L’intimato non ha proposto difese.

La causa è stata assegnata alla Camera di consiglio in esito al deposito della relazione redatta dal Consigliere Dott. Vittorio Zanichelli con la quale sono stati ravvisati i presupposti di cui all’art. 375 c.p.c..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’unico motivo di ricorso con cui si deduce violazione del D.Lgs. n. 286 del 1998, art. 19, comma 2, lett. c), per avere il giudice di pace ritenuto illegittimo il decreto di espulsione dello straniero sprovvisto di permesso di soggiorno in quanto coniugato con cittadina straniera in possesso di permesso di soggiorno è manifestamente fondato.

La norma invocata prevede quale situazione ostativa all’espulsione dello straniero la convivenza del medesimo con parenti fino al quarto grado o il coniuge di cittadinanza italiana e trattandosi di norme di carattere eccezionale in quanto volte a restringere il generale potere dello Stato di accettare sul suo territorio i non cittadini la sua latitudine non può essere estesa ricorrendo all’analogia.

Il ricorso deve dunque essere accolto e cassato il decreto impugnato.

Non essendo necessari ulteriori accertamenti in fatto, la causa può essere decisa nel merito e pertanto rigettata la domanda introduttiva dello straniero.

Le spese eseguono la soccombenza.

PQM

la Corte accoglie il ricorso, cassa il decreto impugnato e, decidendo nel merito, rigetta la domanda introduttiva di C.C.G. E. che condanna alla rifusione delle spese del giudizio determinate in Euro 800,00 oltre spese prenotate a debito.

Così deciso in Roma, il 11 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA