Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20051 del 30/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 20051 Anno 2018
Presidente: MANNA FELICE
Relatore: LOMBARDO LUIGI GIOVANNI

ORDINANZA
sul ricorso iscritto al n. 24987-2017 R.G. proposto da
MARTINO CARMINE, elettivamente domiciliato in Roma, Via Ulpiano
n. 29, presso lo studio dell’avvocato Luca Zerella, rappresentato e
difeso dall’avvocato Carmine Cusano;
– ricorrente contro
TARTAGLIA ANTONIO, PIZZELLA EMILIA;
– intimati –

per regolamento di competenza avverso l’ordinanza n. 3987/2017 del
TRIBUNALE di AVELLINO, depositata il 05/10/2017;

Data pubblicazione: 30/07/2018

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
05/06/2018 dal Consigliere LUIGI GIOVANNI LOMBARDO;
Lette le conclusioni scritte dal Pubblico Ministero, in persona del
Sostituto Procuratore Generale FULVIO TRONCONE, che ha concluso
per l’accoglimento del ricorso per essere competente il Tribunale di

Ritenuto che:
– Martino Carmine ha convenuto, dinanzi al Tribunale di Avellino,
Tartaglia Antonio e Pizzella Emilia, chiedendo la condanna dei
convenuti a sradicare le piante poste a distanza inferiore a quella
legale dal confine, a recidere i rami che si protendevano sulla
proprietà attorea e a risarcire il danno;

Tartaglia Antonio ha resistito alla domanda, eccependo

l’incompetenza per materia del Tribunale, in favore del Giudice di
pace ex art. 7 cod. proc. civ.;
– il Tribunale di Avellìno, con ordinanza in data 5/10/2017, ha
negato la propria competenza, dichiarando la competenza del locale
Giudice di pace, dinanzi al quale ha rimesso le parti;
– avverso tale ordinanza Martino Carmine ha proposto istanza di
regolamento di competenza, ai sensi dell’art. 42 cod. proc. civ., sulla
base di un unico motivo;

i convenuti, ritualmente intimati, non hanno svolto attività

difensiva;
– il Procuratore Generale, con requisitoria scritta, ha concluso per
l’accoglimento dell’istanza di regolamento e la declaratoria della
competenza del Tribunale di Avellino;
Atteso che:
– il ricorso (col quale si deduce che la domanda, con la quale si
lamenta che i rami delle piante dei convenuti si protendono in

-2-

Avellino.

orizzontale verso il fondo attore, è inquadrabile nella fattispecie
dell’art. 896 cod. civ. e appartiene pertanto alla competenza del
Tribunale) risulta fondato, in quanto – secondo la giurisprudenza di
questa Corte, dalla quale non v’è ragione di discostarsi – appartiene
alla competenza del competenza del giudice unico di Tribunale la
domanda volta ad ottenere la recisione dei rami protesi

regolata dall’art. 896 cod. civ., dovendosi – invece – ritenere che la
fattispecie di cui all’art. 892, ultimo comma, cod. cív., sia riferita al
caso in cui si chieda la recisione delle piante del vicino poste a
distanza non legale a ridosso del muro di confine per la parte che
superi “in verticale” l’altezza del muro (cfr. Cass., Sez. 2, n. 32 del
04/01/2006; Sez. 2, n. 859 del 26/01/2000);
– l’istanza di regolamento va pertanto accolta;
– va cassata l’ordinanza impugnata e va dichiarata la competenza
del Tribunale di Avellino, dinanzi al quale la causa deve essere
riassunta dalle parti nel termine di cui in dispositivo;
– il Tribunale dichiarato competente provvederà anche in ordine
alle spese del presente giudizio;
P. Q. M.
accoglie l’istanza dì regolamento, cassa l’ordinanza impugnata e
dichiara la competenza del Tribunale di Avellino, dinanzi al quale
dispone la riassunzione della causa nel termine di giorni novanta dalla
comunicazione della presente ordinanza; spese al merito.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sesta
Sezione Civile, addì 5 giugno 2018.

“in orizzontale” invadenti l’altrui proprietà, trattandosi dì fattispecie

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA