Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20047 del 11/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 11/08/2017, (ud. 01/06/2017, dep.11/08/2017),  n. 20047

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIELLI Stefano – Presidente –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. TEDESCO Giuseppe – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 16937/2010 R.G. proposto da:

NAUTICA DEL PORTO s.n.c., in persona dell’amministratore unico e

legale rappresentante, F.A., nonchè da questi

personalmente, e da F.L. e G.T., rappresentati e

difesi, per procura speciale a margine del ricorso, dagli avv.ti

Umberto D’Autilia ed Enrico Liberati, ed elettivamente domiciliati

presso lo studio del secondo difensore, in Roma, via della Giuliana

n. 32;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– controricorrente –

e contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, in persona del Ministro in

carica;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale

dell’Emilia Romagna, n. 44/09/2009, depositata il 3 giugno 2009;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 1 giugno

2017 dal Cons. Lucio Luciotti.

Fatto

FATTO E DIRITTO

LA CORTE

– premesso che la Società Nautica del Porto di F.A. & C. s.n.c., i soci A. e F.L. nonchè G.T. hanno proposto ricorso nei confronti del Ministero dell’economia e delle finanze e dell’Agenzia delle entrate per la cassazione della sentenza n. 44 del 3 giugno 2009 pronunciata dalla Commissione tributaria regionale dell’Emilia Romagna;

– considerato che dalla sentenza impugnata risulta che avevano partecipato ad entrambi i giudizi di merito anche i soci F.M.C. e F.G., ma a questi ultimi non risulta essere stato notificato il ricorso per cassazione, nè gli stessi si sono volontariamente costituiti in giudizio;

– ritenuto, pertanto, di dover disporre, ai sensi dell’art. 331 c.p.c., l’integrazione del contraddittorio nei confronti delle parti pretermesse e non spontaneamente costituitesi (cfr. Cass. n. 10934 del 2015), fissando all’uopo il termine che si reputa congruo indicare in mesi tre.

PQM

 

ordina l’integrazione del contraddittorio nei confronti di F.M.C. e F.G., da effettuarsi nel termine di mesi tre dalla comunicazione della presente ordinanza, e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 1 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA