Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20041 del 27/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 20041 Anno 2018
Presidente: DORONZO ADRIANA
Relatore: ESPOSITO LUCIA

ORDINANZA
sul ricorso 21377-2017 proposto da:
AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI RICORSO NON
DEPOSITATO AL 26/09/2017;
– ricorrente contro

C. L.

MELLINO CRISTIANA, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA
NICOLA RICCIOTTI 11, presso lo studio dell’avvocato COSTANZA
ACCIAI, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato
CLAUDIO MASSA;
– controricorrente avverso la sentenza n. 782/2016 della CORTE D’APPELLO di TORINO,
depositata il 13/02/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 18/04/2018 dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO.

CA/3

s”

Data pubblicazione: 27/07/2018

RILEVATO

che l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha notificato ricorso per
cassazione avverso la sentenza della Corte dall’Appello di Torino,
depositata il 13/2/2017, resa nel giudizio intercorso con Mellino

che il ricorso non risulta essere stato depositato (cfr. certificazione
della Cancelleria di questa Corte in data 26.9.2017);

che Melillo Cristiana ha resistito con controricorso;

che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis cod. proc. civ.,
è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione
dell’adunanza in camera di consiglio non partecipata;

CONSIDERATO

Che, risultando notificato, ma non depositato, il ricorso in disamina
trova applicazione nella specie il principio secondo cui la parte alla
quale sia stato notificato un ricorso per cassazione – e che abbia a
sua volta notificato al ricorrente il controricorso – ha il potere, ove il
ricorrente abbia omesso di depositare il ricorso e gli altri atti indicati
nell’art. 369 cod. proc. civ., di richiedere l’iscrizione a ruolo del
processo al fine di far dichiarare l’improcedibilità del ricorso
medesimo, essendo tale potere ricompreso in quello più ampio di
contraddire riconosciuto dall’art. 370 cod. proc. civ. e trovando
giustificazione nell’interesse del controricorrente al recupero delle
spese e di evitare, mediante la dichiarazione di improcedibilità del
ricorso, che il ricorrente possa riproporre il ricorso medesimo ove
non sia ancora decorso il termine per l’impugnazione (cfr. Cass. n.
29297 del 28/12/2011, n. 3193 del 18/2/2016);

che il ricorso va dunque dichiarato improcedibile;
Ric. 2017 n. 21377 sez. ML – ud. 18-04-2018
-2-

Cristiana;

che le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza,
senza alcun provvedimento ai sensi dell’art. 13 c.1 quater D.P.R.
115/2002, in mancanza dei deposito del ricorso e conseguente
pagamento del contributo unificato;

La Corte dichiara improcedibile il ricorso e condanna la ricorrente al
pagamento delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in
complessivi C 3.200,00, di cui C 200,00 per esborsi, oltre spese
generali nella misura del 15% e accessori di legge.
Così deciso in Roma il 18/4/2018

P. Q. M.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA