Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20040 del 22/09/2010

Cassazione civile sez. II, 22/09/2010, (ud. 13/05/2010, dep. 22/09/2010), n.20040

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. PETITTI Stefano – Consigliere –

Dott. PARZIALE Ippolisto – Consigliere –

Dott. D’ASCOLA Pasquale – rel. Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 25917/2008 proposto da:

S.N., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DELLE

QUATTRO FONTANE 15, presso lo studio dell’avvocato CONSOLO ANTONELLA

– TINELLI & ASSOCIATI, rappresentato e difeso dall’avvocato

ASSISI

Aldo, giusta procura speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

e contro

D.R.C., D.R.A., B.A. (quale erede di

De.Ri.An.), B.M.C. (quale erede di D.

R.A. e D.R.F.);

– intimati –

avverso la sentenza n. 882/2007 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO

del 29.6.07, depositata il 03/10/2007;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

13/05/2010 dal Consigliere Relatore Dott. PASQUALE D’ASCOLA.

E’ presente il P.G. in persona del Dott. EDUARDO VITTORIO

SCARDACCIONE.

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il tribunale di Vibo Valentia, adito da S.N. per lo scioglimento della comunione ereditaria con De.Ri.An., F., C. e A., disponeva la divisione secondo uno dei progetti redatti dal consulente, con conguaglio a carico dell’attore. La Corte d’appello di Catanzaro con sentenza del 3 ottobre 2007, in parziale accoglimento del gravame interposto dal S., riduceva l’entità del conguaglio. Il giudizio d’appello era reso in contraddittorio con D.R.C. e A. nonchè delle eredi di De.Ri.An., signore B.A. e B. M.C., quest’ultima anche erede testamentaria di D.R. F..

Il S. ha proposto ricorso per cassazione, notificato il 4 novembre 2008, affidandosi a tre motivi. Le intimate non hanno svolto attività difensiva.

Il giudice relatore ha avviato la causa a decisione con il rito previsto per il procedimento in Camera di consiglio, concludendo per l’inammissibilità del ricorso.

Il primo motivo di ricorso denuncia violazione degli artt. 112, 324, 342 c.p.c. e artt. 71 e 726 c.p.c., nonchè vizi di motivazione con riferimento all’art. 360, nn. 3, 4 e 5. Svolge una serie di argomentazioni ed espone doglianze multiple, nessuna delle quali si conclude con la formulazione di quesito di diritto o con la chiara indicazione del fatto controverso su cui cadrebbe il vizio di motivazione.

Altrettanto può dirsi del secondo motivo, relativo, si legge in rubrica, al mutamento di destinazione urbanistica del fondo in oggetto. Sono denunciati violazione degli artt. 713 e 726 c.c., e vizi di motivazione. Non sono individuabili la sintesi del fatto controverso, nè il quesito di diritto.

Identica omissione caratterizza il terzo motivo, che espone violazione degli artt. 713, 720 e 726 c.c., e vizi di motivazione.

Mette conto a questo punto ricordare che il quesito di diritto è indispensabilmente previsto, a norma dell’art. 366 bis c.p.c., a pena di inammissibilità, per l’illustrazione di ciascun motivo nei casi previsti dall’art. 360, comma 1, nn. 1), 2), 3), e 4).

Quanto ai vizi di motivazione, la giurisprudenza (SU n. 20603/07;

Cass. 4309/08; 16528/08) ha chiarito che la censura ex art. 360, n. 5, deve contenere un momento di sintesi (omologo del quesito di diritto) che ne circoscriva puntualmente i limiti, per consentire una pronta identificazione delle questioni da risolvere.

Anche questa omissione è sanzionata con l’inammissibilità dall’art. 366 bis c.p.c..

Discende da quanto esposto la declaratoria di inammissibilità del ricorso; non segue la pronuncia sulla refusione delle spese di lite, in mancanza di attività difensiva delle intimate.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Seconda Civile, il 13 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 22 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA