Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 20013 del 11/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 11/08/2017, (ud. 27/04/2017, dep.11/08/2017),  n. 20013

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAMMONE Giovanni – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. DORONZO Adriana – rel. Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17848-2013 proposto da:

R.E.S.A.I.S. RISANAMENTO E SVILUPPO ATTIVITA’ INDUSTRIALI SICILIANE –

S.P.A. C.F. (OMISSIS), in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FILIPPO CORRIDONI

25, presso lo studio dell’avvocato LUCA GRATTERI, che la rappresenta

e difende unitamente all’avvocato GIOVANNA CAMPAGNA, giusta delega

in atti;

– ricorrente –

contro

S.C. C.F. (OMISSIS), domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR

presso LA CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dall’avvocato MARIA TERESA PARRINO, giusta

delega in atti;

– controricorrente –

e contro

ASSESSORATO INDUSTRIA DELLA REGIONE SICILIANA C.F. (OMISSIS), in

persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e

difeso dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, presso i cui Uffici

domicilia in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI N. 12;

– controricorrente –

e contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE C.F. (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 109/2013 della CORTE D’APPELLO di

CALTANISSETTA, depositata il 03/04/2013 R.G.N. 553/2011.

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza pubblicata il 3/4/2013 la Corte d’appello di Caltanissetta ha rigettato l’appello proposto da R.E.S.A.I.S. Risanamento e Sviluppo Attività Industriali Siciliane s.p.a. contro la sentenza del Tribunale di Enna, che, decidendo sulla domanda proposta da S.C., ex dipendente dell’Italkali s.p.a. e beneficiario di una indennità di prepensionamento ai sensi della L.R. siciliana n. 42 del 1975, art. 6 aveva rigettato la domanda nei confronti dell’INPS, dichiarato il difetto di legittimazione passiva dell’Assessorato regionale all’industria della Sicilia, e condannato la R.E.S.A.I.S. s.p.a., a versare all’INPS i contributi previdenziali sulla quota dell’indennità di prepensionamento incrementata a seguito della transazione stipulata tra RESAIS s.p.a. e il ricorrente in data 1/2/2005, in seguito all’accordo regionale ed a quello integrativo rispettivamente del 5 novembre 1997 e dell’8 marzo 2000;

contro la sentenza, la società propone ricorso per cassazione articolato in sette motivi, cui resiste con controricorso il lavoratore, il quale ha depositato anche memoria; resiste con controricorso anche l’Assessorato Industria della Regione Sicilia.

Diritto

CONSIDERATO

che:

è infondata l’eccezione di inammissibilità del ricorso;

la formulazione dei quesiti di diritto, quantunque non più richiesta ratione temporis alla luce del disposto della L. 18 giugno 2009, n. 69, art. 47, comma 1, lett. d) e art. 58, comma 5, della medesima legge, che hanno disposto l’abrogazione dell’art. 366 bis per i ricorsi contro i provvedimenti pubblicati successivamente alla data di entrata in vigore della legge (4/7/2009), non è motivo di inammissibilità del ricorso per cassazione in mancanza di un’espressa invalidità e in difetto di nullità a rilevanza variabile prevista dall’art. 156, secondo comma, cod. proc. civ.(Cass. 21/9/2012, n. 16122);

con i due primi motivi R.E.S.A.I.S. s.p.a deduce la falsa applicazione della L.R. Sicilia n. 23 del 1991, art. 6 consistita nell’aver attribuito natura retributiva anzichè assistenziale all’indennità di prepensionamento percepita dal pensionato, nonchè violazione e falsa applicazione dell’art. 2113 c.c., commi 1 e 4 e art. 2115 cod. civ., in relazione all’affermazione contenuta nella sentenza impugnata secondo cui la contribuzione volontaria non avrebbe potuto formare oggetto di conciliazione innanzi all’ufficio provinciale del lavoro;

i quattro successivi motivi censurano la sentenza impugnata sotto i profili: a) del vizio di omessa motivazione su un fatto controverso e decisivo per il giudizio, giacchè viene ritenuta solo parziale e fuorviante l’interpretazione della clausola di rinunzia ad ulteriori pretese di cui al punto n. 7 del verbale di conciliazione; b) del vizio di violazione dell’art. 1362 cod. civ., derivante dall’aver interpretato erroneamente il significato della clausola n. 7; c) del vizio di motivazione derivante dall’aver dato rilevanza ai fini interpretativi all’anteriorità del verbale conciliativo relativo a contribuzione previdenziale rispetto alla data di entrata in vigore della L. n. 266 del 2005 di modifica del regime di calcolo della contribuzione ed alludendo ad altri verbali, estranei alla causa ed al materiale probatorio ivi contenuto; d) della falsa applicazione dell’art. 115 cod. proc. civ. derivante dall’aver posto a fondamento della decisione prove diverse da quelle proposte dalle parti, con ciò violando pure l’art. 115 c.p.c. in tema di principio di disponibilità delle prove;

i motivi, tutti connessi per l’unicità del tema, sono da trattarsi in modo unitario;

la vicenda si inserisce nel più ampio contesto delle norme regionali siciliane (leggi regionali L. n. 42 del 1975, L. n. 23 del 1991, L. n. 8 del 1995, L. n. 5 del 1999) approntate per la tutela dei lavoratori nel settore minerario, dopo la soppressione dell’Ente minerario siciliano e di numerose società ad esso collegate, secondo le quali per i dipendenti in esubero in possesso di determinati requisiti di età o contributivi venne disposto il licenziamento con diritto alla corresponsione, fino al raggiungimento dell’età pensionabile, di un’indennità mensile per quattordici mensilità, pari all’80 per cento dell’ultima retribuzione percepita;

ai sensi della L.R. n. 42 del 1975, art. 4 rimasero “altresì a carico della regione gli oneri per l’assistenza sanitaria e per la contribuzione volontaria da parte degli interessati a fini pensionistici, nella misura massima consentita. La predetta indennità sarà rivalutata sulla base degli indici di contingenza riferiti alla misura dell’indennità stessa come sopra calcolata ovvero a meccanismi di adeguamento salariale al costo della vita che venissero stabiliti in sede nazionale in sostituzione di quelli vigenti”;

la stessa formulazione della norma cardine del peculiare sistema di tutela riconosciuto a questa categoria di lavoratori esprime in modo evidente che l’assunzione dell’obbligo contributivo da parte dell’Assessorato, a cui è oggi subentrata la Resais s.p.a. per effetto della L.R. n. 4 del 2003, si struttura come ulteriore e distinta obbligazione rispetto alla corresponsione dell’indennità di prepensionamento e che non si confonde in essa;

i profili dibattuti tra le parti e qui ancora rilevanti perchè posti a base dei motivi di ricorso sono essenzialmente due: a) l’inclusione nell’oggetto della transazione stipulata il 1/2/2005 del diritto ad ottenere la regolarizzazione contributiva sulla quota di adeguamento dell’indennità di prepensionamento percepita dal lavoratore, che pure ha costituito oggetto della transazione; b) la eventuale illegittimità della rinunzia alla contribuzione dipendente dalla natura obbligatoria e non volontaria della stessa;

il primo profilo assume carattere preliminare, non solo dal punto di vista logico e giuridico, ma anche perchè la sentenza impugnata si fonda innanzi tutto sulla interpretazione dell’accordo transattivo e la questione della natura giuridica della contribuzione che assume rilievo solo eventuale è stata affrontata dalla Corte territoriale in quanto devoluta nel giudizio d’appello e solo a sostegno della prima ragione di decisione;

in materia di criteri interpretativi dell’atto di conciliazione, di indubbia natura negoziale, questa Corte di cassazione ha costantemente ritenuto (v. da ultimo Cass. 11751/2015), che a norma dell’art. 1362 c.c. e segg., tale interpretazione si debba fondare principalmente sul significato desumibile dal tenore letterale del negozio, sia pure letto in connessione tra le varie parti dello stesso, mentre gli ulteriori canoni legali sulla interpretazione del contratti e quelli di interpretazione intervengono in caso che dall’applicazione di quello principale residui un dubbio;

applicando correttamente tale regola, la Corte territoriale ha valutato, con congrua motivazione, che il tenore letterale dell’accordo in questione fosse chiaro nell’indicare come oggetto della rinuncia unicamente i criteri seguiti per la quantificazione dell’indennità Istat, escludendo pertanto che esso possa riguardare anche la materia dei connessi oneri previdenziali in quanto il testo della transazione non conteneva alcun elemento che inducesse a ritenere presente nel prepensionato una volontà dispositiva relativa al diritto alla contribuzione previdenziale consequenziale agli incrementi del trattamento ricevuto, nè tate volontà si sarebbe potuta trarre dall’impiego di una clausola di stile quale quella indicata al n.7 dell’atto ove è riportata la “rinuncia…. a qualsivoglia pretesa vantata o potuta vantare nei confronti dell’EMS, dell’Assessorato Regionale all’Industria e della Resais s.p.a che abbia titolo, anche indirettamente, nel rapporto di lavoro pregresso, nelle disposizioni della legislazione regionale in materia di trattamenti assistenziali e negli accordi collettivi per il personale”;

si tratta di valutazione di merito non incrinata nè dalla riproduzione del tenore della rinuncia, sopra indicato, nè dal richiamo assai indeterminato alle intere leggi regionali in materia di trattamenti assistenziali nè, infine, dall’utilizzo, a mera ulteriore conferma dell’approdo già raggiunto, di valutazioni sulla incidenza della posteriorità rispetto all’atto abdicativo della L. n. 266 del 2005, art. 1, comma 268 sulla base di calcolo della contribuzione;

le censure investono il risultato interpretativo dell’atto di conciliazione intervenuto tra le parti, in tal modo ponendo in essere un’operazione non consentita in sede di legittimità (si veda in proposito Cass. n. 2465/2015; 986/2017);

l’esclusione dall’oggetto della transazione della disposizione relativa al versamento dei contributi sull’adeguamento della indennità di prepensionamento erogata alt rende del tutto irrilevante l’approfondimento sulla natura della contribuzione medesima;

le spese vengono compensate in ragione della particolare complessità del quadro normativo e dell’assenza di precedenti specifici di legittimità.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso e dichiara compensate le spese del giudizio di legittimità.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 27 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 11 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA