Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19994 del 23/09/2020

Cassazione civile sez. VI, 23/09/2020, (ud. 22/07/2020, dep. 23/09/2020), n.19994

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ACIERNO Maria – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 20525-2019 proposto da:

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI RECANATI E COLMURANO – SOCIETA

COOPERATIVA, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GABRIELE CAMOZZI 1, presso lo

studio dell’avvocato VANESSA CARANCINI, rappresentata e difesa

dall’avvocato MICHELE MORETTI;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO (OMISSIS) SRL;

– intimato –

avverso l’ordinanza n. 1232/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA, depositata il 17/01/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 22/07/2020 dal Consigliere Relatore Dott. DI MARZIO

MAURO.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

Ad iniziativa officiosa, su segnalazione del Cancelliere, è stata disposta l’iscrizione del procedimento di correzione di un errore materiale dell’ordinanza numero 1232 del 2019 di questa Corte, pronunciata nel procedimento n. 14661-2017, in rigetto del ricorso promosso da BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI RECANATI E COLMURANO – SOCIETA’ COOPERATIVA nei confronti del FALLIMENTO (OMISSIS) SRL.

L’errore segnalato dal Cancelliere risulta essere consistito in ciò, che “per errore non è stato inserito nel fascicolo il controricorso depositato dal difensore. Il controricorso, sopra citato, è stato reperito in altro fascicolo con R G. 292112017 assegnato alla sezione sesta civile”.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

In analoga situazione, con ordinanza n. 743 del 2020, questa Corte ha affermato che tale fattispecie deve qualificarsi come errore di fatto sul contenuto degli atti processuali, che deve essere dedotto con ricorso per revocazione della ordinanza – peraltro entro il termine perentorio di sessanta giorni dalla notificazione ovvero di sei mesi dalla pubblicazione del provvedimento, non già con istanza di correzione di errore materiale.

RITENUTO CHE:

Dando continuità a tale precedente, va pertanto dichiarata inammissibile la correzione di ufficio del segnalato errore.

Non vi è luogo per provvedere sulle spese.

P.Q.M.

dichiara inammissibile la correzione di ufficio dell’errore indicato in motivazione.

Depositato in Cancelleria il 23 settembre 2020

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA