Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19989 del 23/09/2020

Cassazione civile sez. I, 23/09/2020, (ud. 24/07/2020, dep. 23/09/2020), n.19989

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SAN GIORGIO Maria Rosaria – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – rel. Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Luigi – Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 9435/2019 proposto da:

A.S., elettivamente domiciliato in Roma Via Crescenzio, 58

presso lo studio dell’avvocato Rulli Giorgia che lo rappresenta e

difende, giusta mandato in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Interno, in persona del Ministro pro tempore;

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di MILANO, depositato il 08/02/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

24/07/2020 dal Cons. PARISE CLOTILDE.

 

Fatto

RILEVATO IN FATTO

CHE:

1) Con Decreto n. 1324/2019 depositato il 08-02-2019 il Tribunale di Milano ha respinto il ricorso di A.S., nato in (OMISSIS), avente ad oggetto la richiesta di riconoscimento della protezione internazionale, all’esito del rigetto della relativa domanda da parte della locale Commissione Territoriale. Il Tribunale ha ritenuto che fosse non credibile la vicenda personale narrata dal richiedente, il quale riferiva di aver lasciato il Ghana, ove aveva organizzato da molti anni la propria vita ed aveva la sua famiglia, per timore di ritorsioni da parte delle autorità e dei privati, desiderosi di vendetta per le morti di due dei tre studenti che egli aveva accompagnato illegalmente in una miniera d’oro. Il Tribunale ha ritenuto che non ricorressero i presupposti per il riconoscimento di alcuna forma di protezione, avuto anche riguardo alla situazione generale sia del Ghana sia del Togo descritta nel decreto impugnato.

2) Avverso il suddetto provvedimento, il ricorrente propone ricorso per cassazione, affidato a tre motivi, nei confronti del Ministero dell’Interno, che è rimasto intimato.

3) Onde verificare la tempestività del ricorso si rende necessario acquisire il fascicolo d’ufficio del giudizio svoltosi avanti al Tribunale di Milano (RG n. 40489/2018).

PQM

La Corte manda alla Cancelleria per l’acquisizione del fascicolo d’ufficio del giudizio svoltosi avanti al Tribunale di Milano (RG n. 40489/2018) e rinvia a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Prima sezione civile, il 24 luglio 2020.

Depositato in Cancelleria il 23 settembre 2020

 

 

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA