Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19979 del 29/09/2011

Cassazione civile sez. trib., 29/09/2011, (ud. 22/06/2011, dep. 29/09/2011), n.19979

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PARMEGGIANI Carlo – Presidente –

Dott. IACOBELLIS Marcello – Consigliere –

Dott. DI BLASI Antonino – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. CIRILLO Ettore – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, via dei Portoghesi n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

L.G.;

– intimato –

e nei confronti di

ESATRI s.p.a.;

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 28/35/08, depositata il 6 maggio 2008;

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

22 giugno 2011 dal Relatore Cons. Dott. Biagio Virgilio.

La Corte:

Fatto

RITENUTO IN FATTO E DIRITTO

che il ricorso è stato notificato a mezzo del servizio postale, ai sensi dell’art. 149 cod. proc. civ., e che la ricorrente non ha provveduto al deposito degli avvisi di ricevimento delle raccomandate;

che ciò determina, in mancanza della costituzione in giudizio degli intimati, l’inammissibilità del ricorso, per assenza di prova della instaurazione del contraddicono (Cass., Sez. un., n. 627 del 2008);

che non v’è luogo a provvedere sulle spese.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, il 22 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 settembre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA