Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19958 del 13/07/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/07/2021, (ud. 18/05/2021, dep. 13/07/2021), n.19958

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. VALITUTTI Antonio – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10328-2020 proposto da:

O.E., elettivamente domiciliato presso la cancelleria della

CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentato e difeso

dall’avvocato ALESSANDRO DI PALMA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, COMMISSIONE TERRITORIALE RICONOSCIMENTO

PROTEZIONE INTERNAZIONALE, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope

legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 57/2020 della CORTE D’APPELLO di POTENZA,

depositata il 05/02/2020;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di Consiglio non

partecipata del 18/05/2021 dal Consigliere Relatore Dott. TERRUSI

FRANCESCO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

con sentenza in data 5-2-2020 la corte d’appello di Potenza ha dichiarato inammissibile il gravame proposto da O.E. contro il decreto del tribunale della stessa città che le aveva negato la protezione internazionale;

la corte d’appello ha rilevato che il decreto era stato emesso nella piena vigenza del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35-bis, così da non rendere ammissibile l’appello ma solo il ricorso per cassazione;

la soccombente ha proposto ricorso per cassazione sorretto da motivi afferenti i profili di merito della controversia in tema di protezione internazionale; nel ricorso ha chiesto di essere rimessa in termini;

il Ministero dell’Interno ha depositato un semplice atto di costituzione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorso è inammissibile;

la ratio decidendi che unicamente caratterizza la sentenza di merito è costituita dal profilo afferente all’inammissibilità dell’appello;

avverso tale ratio non sono state prospettate censure e la richiesta di rimessione in termini non possiede costrutto, visto che non è stata invocata per impugnare per cassazione il decreto del tribunale, sebbene e ancora una volta erroneamente per impugnare la sentenza d’appello; l’atto di costituzione dell’avvocatura dello Stato non costituisce controricorso, per cui non devesi provvedere sulle spese processuali.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 18 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 13 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA