Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19948 del 29/09/2011

Cassazione civile sez. I, 29/09/2011, (ud. 07/06/2011, dep. 29/09/2011), n.19948

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. VITRONE Ugo – Presidente –

Dott. DOGLIOTTI Massimo – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

S.C., elettivamente domiciliato in Roma via Cassiodoro 9,

presso lo studio dell’avv.to Ricciuto Vincenzo che lo rappresenta e

difende, giusta procura a margine del ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

P.V. e R.G.;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte di Appello di Salerno, sezione

civile, emessa il 20 luglio 2006, depositata il 2011 29 settembre

2006, R.G. n. 1072/03;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 7 giugno 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito l’Avvocato Vincenzo Ricciuto per il ricorrente;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola che ha concluso per la dichiarazione di

inammissibilità o il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

P.V., in proprio e quale procuratore generale della moglie R.G., proponeva opposizione al decreto ingiuntivo emesso dal Presidente del Tribunale di Salerno su ricorso di S.C. prenditore di un assegno bancario per L. 45.000.000. Deduceva l’opponente che l’assegno era stato rilasciato al S. in garanzia nell’ambito degli accordi intercorsi per la compravendita di un terreno in località (OMISSIS) e che il S. lo aveva trattenuto indebitamente dopo aver incassato la somma prevista nell’ambito di tali accordi.

Si costituiva S.C. contestando tali deduzioni e affermando che l’assegno in questione gli era stato girato in pagamento del saldo del prezzo di acquisto del terreno di (OMISSIS).

Il Tribunale di Salerno respingeva l’opposizione mentre la Corte di appello in accoglimento del gravame dei coniugi P. revocava il decreto ingiuntivo.

Ricorre per cassazione S.C. affidandosi a due motivi di impugnazione.

Non svolgono difese P.V. e R.G..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di ricorso si deduce violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c..

Con il secondo motivo di ricorso si deduce la violazione e falsa applicazione degli artt. 2702, 2721 e 2722 c.c..

Il ricorrente in violazione dell’art. 366 bis vigente ratione temporis e che prescriveva, a pena di inammissibilità, che ogni motivo di ricorso per cassazione dovesse concludersi con un quesito di diritto ha omesso qualsiasi formulazione.

Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile senza alcuna statuizione sulle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Nulla sulle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 7 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA