Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19928 del 29/09/2011

Cassazione civile sez. I, 29/09/2011, (ud. 08/03/2011, dep. 29/09/2011), n.19928

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PLENTEDA Donato – Presidente –

Dott. ZANICHELLI Vittorio – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

Casa di cura GE.P.O.S. s.r.l., elett.te dom.ta in Roma, via XX

settembre 3, presso lo studio Sandulli, rappresentata e difesa

dall’avv.to Nardone Antonio, per procura a margine del ricorso per

cassazione;

– ricorrente –

contro

D.S.S., elett.te dom.ta in Roma, via Baiamonti 10, presso

lo studio dell’avvocato Francesca Caldoro, rappresentata e difesa

dall’avvocato De Maio Carlo, per procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1778/2006 della Corte di appello di Napoli, 1^

sezione civile, emessa il 17 maggio 2006, depositata il 1 giugno

2006, R.G. 2905/04;

udita la relazione della causa svolta all’udienza dell’8 marzo 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARESTIA Antonietta che ha concluso per la dichiarazione di

estinzione del giudizio.

Fatto

FATTO E DIRITTO

rilevato che, con memoria sottoscritta dai rispettivi difensori, le parti hanno dichiarato di aver transatto la controversia e hanno chiesto che venga dichiarata cessata la materia del contendere con integrale compensazione delle spese processuali;

ritenuto che il giudizio va dichiarato estinto e che deve farsi luogo alla compensazione delle spese processuali per l’intero giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio e compensa interamente le spese processuali.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 8 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 29 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA