Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19895 del 09/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 09/08/2017, (ud. 11/04/2017, dep.09/08/2017),  n. 19895

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MARULLI Marco – rel. Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17296/2015 proposto da:

F.C., F.S., F.M.C., quali eredi

di F.M., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

STIMIGLIANO 5, presso lo studio dell’avvocato CLAUDIO CONTI, che li

rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

ROMA CAPITALE – C.F. (OMISSIS), in persona del Sindaco in carica,

elettivamente domiciliata in ROMA, V. DEL TEMPIO DI GIOVE 21, presso

gli ufficio dell’Avvocatura Capitolina, rappresentata e difesa

dall’avvocato DOMENICO ROSSI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 13055/2014 del TRIBUNALE di ROMA, depositata

il 16/06/2014, emessa sul procedimento iscritto al n. 19580/2012;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’11/04/2017 dal Consigliere Dott. MARCO MARULLI.

Fatto

RITENUTO IN FATTO

1. Con il ricorso in atti parte ricorrente ha inteso chiedere la cassazione dell’impugnata sentenza sul rilievo che essa, rigettandone l’appello, aveva confermato la decisione di primo grado che ne aveva respinto la domanda di indebito arricchimento in relazione alla custodia di un’autovettura, sebbene la circostanza della custodia non fosse contestata e sussistesse pronuncia passata in giudicato.

2. Resiste al proposto ricorso parte intimate con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Il ricorso risulta inammissibile.

2. Esso, infatti, in spregio al requisito prescritto a pena di inammissibilità dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 4, non è accompagnato dall’indicazione dei motivi, limitandosi a rappresentare in maniera generica e non conferente rispetto alle ragioni della decisione solo il proprio disaccordo senza provvedere a formalizzarlo in contestazioni definite provviste di specifico contenuto critico atte a consentirne il vaglio di legittimità richiesto a questa Corte.

3. Dovendo perciò essere dichiarata l’inammissibilità del ricorso, le spese seguono la soccombenza.

Ricorrono altresì i presupposti per il versamento previsto in caso di rigetto, di inammissibilità o di improcedibilità dell’impugnazione dal D.Lgs. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

PQM

 

Dichiara il ricorso inammissibile e condanna il ricorrente al pagamento delle spese che liquida in Euro 1100,00, di cui Euro 100,00 per esborsi, oltre al 15% per spese generali ed accessori di legge.

Dichiara che sussistono i presupposti per il versamento previsto dal D.Lgs. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 11 aprile 2017.

Depositato in Cancelleria il 9 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA