Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19889 del 09/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 09/08/2017, (ud. 08/06/2017, dep.09/08/2017),  n. 19889

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Ettore – Presidente –

Dott. MANZON Enrico – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. VELLA Paola – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19034/2016 proposto da:

IDCO SRL IN LIQUIDAZIONE, in persona del Procuratore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIALE BRUNO BUOZZI 36, presso lo studio

dell’avvocato ROBERTO AFELTRA, che la rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

EQUITALIA SERVIZI DI RISCOSSIONE SPA C.F. (OMISSIS), incorporante di

EQUITALIA SUD SPA, in persona del Responsabile pro tempore della

Funzione Contenzioso della Direzione Regionale Lazio, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA G.P.DA PALESTRINA 19, presso lo studio

dell’avvocato FABIO FRANCESCO FRANCO, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2034/28/2016 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA, depositata il 12/04/2016;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata dell’08/06/2017 dal Consigliere Dott. ENRICO MANZON.

Disposta la motivazione semplificata su concorde indicazione del

Presidente e del relatore.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che:

Con sentenza in data 14 dicembre 2015 la Commissione tributaria regionale del Lazio respingeva l’appello proposto dalla IDCO srl in liquidazione avverso la sentenza n. 6906/12/14 della Commissione tributaria provinciale di Roma che ne aveva respinto il ricorso contro l’intimazione di pagamento IVA ed altro 1991-1992-1994. La CTR osservava in particolare che la procedura notificatoria della cartella esattoriale “atto presupposto” di quello impugnato si era del tutto ritualmente perfezionata e che ciò toglieva alcun pregio all’eccezione di prescrizione dei crediti erariali posti in esecuzione.

Avverso la decisione ha proposto ricorso per cassazione la società contribuente deducendo un motivo unico.

Resiste con controricorso Equitalia Sud spa.

La ricorrente ha presentato memoria.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

che:

Con l’unico mezzo dedotto la ricorrente lamenta la violazione di plurime disposizioni legislative, poichè la CTR ha affermato la ritualità della notificazione dell’ “atto presupposto” (cartella esattoriale) di quello esattivo impugnato, così dirimendo di conseguenza la questione della prescrizione dei crediti tributari oggetto della controversia.

La censura è infondata.

Va infatti rilevato che sul compimento delle formalità di notificazione i giudici del merito si sono espressi nello stesso senso sfavorevole alla società contribuente. In particolare il giudice tributario di appello ha espressamente accertato in fatto la corrispondenza della cartella esattoriale notificata con quella impugnata.

Nel formulare, peraltro in modo non del tutto comprensibile, il mezzo in parte qua, la ricorrente chiede dunque a questa Corte, inammissibilmente, un’ ulteriore valutazione meritale dei fatti dedotti in giudizio, essendo consolidato il principio di diritto che “In tema di ricorso per cassazione, il vizio di violazione di legge consiste in un’erronea ricognizione da parte del provvedimento impugnato della fattispecie astratta recata da una norma di legge implicando necessariamente un problema interpretativo della stessa; viceversa, l’allegazione di un’erronea ricognizione della fattispecie concreta, mediante le risultanze di causa, inerisce alla tipica valutazione del giudice di merito la cui censura è possibile, in sede di legittimità, attraverso il vizio di motivazione” (ex multis Sez. 5, n. 26110 del 2015). Ovvia conseguenza è la totale infondatezza dell’eccezione di prescrizione del credito erariale.

Il ricorso va dunque rigettato.

Le spese seguono la soccombenza e vanno liquidate come in dispositivo.

PQM

 

La Corte rigetta il ricorso; condanna la ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida in Euro 8.000 oltre Euro 200 per esborsi, 15% per contributo spese generali ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 8 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 9 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA