Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19867 del 26/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 19867 Anno 2018
Presidente: SCALDAFERRI ANDREA
Relatore: SAMBITO MARIA GIOVANNA C.

ORDINANZA
sul ricorso 23184-2017 proposto da:
KELVIN ESTHER, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE
DELLE MEDAGLIE D’ORO 169, presso lo studio dell’avvocato
ITALA MANNIAS, che la rappresenta e difende;
– ricorrente Contro

MINISTERO DELL’INTERNO, PREFETTURA DI PIACENZA,
QUESTURA DI PIACENZA;
– intimati avverso il decreto del GIUDICE DI PACE di PIACENZA,
depositato il 15/05/2017;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 28/06/2018 dal Consigliere Dott. MARIA
GIOVANNA C. SAMBITO.

csy,

Data pubblicazione: 26/07/2018

FATTI DI CAUSA
Il Giudice di Pace di Piacenza, con ordinanza del
15.5.2017, ha rigettato l’opposizione avverso il provvedimento
di espulsione adottato il 1.7.2016 nei confronti di Kelvin
Esther, osservando che la valutazione in merito all’istanza di

provvedimento era legittimo, non vantando l’opponente alcun
titolo per rimanere nel territorio italiano. Kelvin Esther ricorre
sulla base di un motivo. La Prefettura non ha svolto difese.
RAGIONI DELLA DECISIONE
1. Il ricorso, con cui si deduce la violazione del D.Lgs. n.
25 del 2008, art. 7 e 32, è fondato. 2. In base a tale norma,
infatti, chi abbia proposto domanda di asilo è autorizzato a
rimanere nel territorio dello Stato, ai fini esclusivi della
procedura, fino alla decisione della commissione territoriale
sulla domanda (pur con la salvezza delle ipotesi di cui al co 2,
del citato art. 7, non ravvisate però nella specie). Il che
comporta il divieto di espulsione e dunque l’erroneità della
decisione del Giudice di pace, tenuto conto che la qualità di
richiedente asilo spetta anche a colui che, pur essendosi vista
respingere la domanda di protezione in sede amministrativa,
sia in ancora in termini per proporre ricorso al giudice, dato
che — come esattamente viene rilevato nel ricorso — ai sensi
dell’art. 2, lett. c), della direttiva 2005/85/CE sulle procedure
per il riconoscimento e revoca dello status di rifugiato per
“richiedente asilo” deve intendersi «qualsiasi cittadino di un
paese terzo o apolide che abbia presentato una domanda di
asilo sulla quale non sia stata ancora presa una decisione
definitiva», e che per “decisione definitiva” deve intendersi, a
mente della successiva lett. d) della medesima disposizione
normativa, «una decisione che stabilisce se a un cittadino di un
Ric. 2017 n. 23184 sez. M1 – ud. 28-06-2018
-2-

protezione internazionale era rimessa ad altro Giudice e che il

paese terzo o a un apolide è concesso lo status di rifugiato … e
che non è più impugnabile nell’ambito del capo V della
presente direttiva», il quale prevede appunto il ricorso al
giudice (Cass. n. 19336 del 2015; Cass. n. 17419 del 2017).
3. Il ricorso va pertanto accolto, va cassata la pronuncia

occorrendo ulteriori accertamenti di merito, va decisa la causa
nel merito, con l’annullamento del decreto di espulsione.
P.Q.M.
accoglie il ricorso, cassa il provvedimento impugnato, e,
decidendo nel merito, annulla il decreto di espulsione,
condanna la Prefettura al pagamento in favore dell’Erario delle
spese del giudizio, che si liquidano in C 1.000,00 per il giudizio
di merito ed in C 2.090,00 per il presente giudizio di legittimità,
Cnt.

p-z+e,

, ete2–cU _

Così deciso in Roma, il 28 giugno 2018.

impugnata, restando assorbita ogni altra questione e, non

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA