Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19848 del 23/07/2019

Cassazione civile sez. I, 23/07/2019, (ud. 21/06/2019, dep. 23/07/2019), n.19848

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Presidente –

Dott. DI MARZIO Mauro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – rel. Consigliere –

Dott. PAZZI Alberto – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29274/2018 proposto da:

D.A., rappresentato e difeso dall’avv. Giuseppe Briganti del

foro di Urbinoò per delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’interno, in persona del Ministro p.t.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 255/2018 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 27/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

21/06/2019 dal Dott. NAZZICONE LOREDANA.

Fatto

RILEVATO

– che viene proposto ricorso avverso la sentenza della Corte d’Appello di Ancona del 27 febbraio 2018, di rigetto dell’impugnazione promossa avverso l’ordinanza del Tribunale, a sua volta reiettiva del ricorso avverso il provvedimento negativo della Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale;

– che non svolge difese il Ministero intimato.

Diritto

CONSIDERATO

– che il primo motivo lamenta la violazione dell’art. 111 Cost., artt. 132 e 156 c.p.c., D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35, ed in subordine omesso esame, per non avere la corte del merito motivato circa la ritenuta non credibilità del richiedente, senza considerare invece lo sforzo del medesimo per suffragare il suo racconto, anche redigendo una storia per iscritto di suo pugno, e senza considerare i documenti in atti, nonchè il periodo trascorso il Libia;

– che il secondo motivo lamenta la violazione di una pluralità di norme del D.Lgs. n. 286 del 1998, D.Lgs. n. 25 del 2008 e del D.Lgs.n. 251 del 2007, nonchè della direttiva n. 32 del 2013, e degli artt. 115 e 116 c.p.c., in quanto il richiedente aveva offerto una precisa spiegazione delle ragioni della sua fuga dal paese di origine ed il giudice del merito aveva l’obbligo di attivarsi in suo ausilio; esso, inoltre, rivolge varie critiche alla sentenza del Tribunale;

– che il terzo motivo deduce la violazione e falsa applicazione degli artt. 6 e 13 Cedu, art. 47 Carta dei diritti fondamentali UE, art. 46 direttiva n. 32 del 2013, in quanto non è stato in tal modo rispettato il principio della effettività del ricorso;

– che i motivi sono manifestamente inammissibili;

– che, anzitutto e radicalmente, il provvedimento impugnato non ha ritenuto il ricorrente credibile: al riguardo, questa Corte ha chiarito come “In tema di protezione internazionale, l’attenuazione dell’onere probatorio a carico del richiedente non esclude l’onere di compiere ogni ragionevole sforzo per circostanziare la domanda D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 3, art. 5, comma, lett. a), essendo possibile solo in tal caso considerare “veritieri” i fatti narrati; la valutazione di non credibilità del racconto, costituisce un apprezzamento di fatto rimesso al giudice del merito il quale deve valutare se le dichiarazioni del richiedente siano coerenti e plausibili, D.Lgs. n. 251 del 2007, ex art. 3, comma 5, lett. c), ma pur sempre a fronte di dichiarazioni sufficientemente specifiche e circostanziate” (Cass., ord. 30 ottobre 2018, n. 27503) e che “In materia di protezione internazionale, l’accertamento del giudice di merito deve innanzi tutto avere ad oggetto la credibilità soggettiva della versione del richiedente circa l’esposizione a rischio grave alla vita o alla persona; qualora le dichiarazioni siano giudicate inattendibili alla stregua degli indicatori di genuinità soggettiva di cui al D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, non occorre procedere ad un approfondimento istruttorio officioso circa la prospettata situazione persecutoria nel Paese di origine, salvo che la mancanza di veridicità derivi esclusivamente dall’impossibilità di fornire riscontri probatori” (Cass. 27 giugno 2018, n. 16925; v. pure Cass., ord. 5 febbraio 2019, n. 3340);

– che, inoltre, la corte del merito ha escluso l’esistenza di elementi peculiari della situazione personale integranti le norme invocate, non sussistendo conflitto armato ed indiscriminato, nè situazioni soggettive di rischio circa i suoi diritti umani, sulla base dello stesso racconto reso;

– che, in definitiva, la corte territoriale ha compiutamente approfondito l’esame in fatto della situazione, nel pieno rispetto dei principi enunciati da questa Corte in materia, dilungandosi in una motivazione esauriente nell’esporre le ragioni che hanno portato la medesima alla decisione di rigetto del gravame; si tratta, dunque, da un lato della risposta alle domande ed alle questioni proposte dall’appellante, e, dall’altro lato, di valutazioni prettamente discrezionali rimesse al giudice di merito, onde il ricorso chiede di ripetere il giudizio di fatto, attività preclusa in virtù della funzione di legittimità;

– che, quanto alla protezione umanitaria, i motivi sono altresì inammissibili, perchè intendono ripetere un giudizio sul fatto, mentre non si tiene neppure conto che la situazione di vulnerabilità rilevante a tal fine deve necessariamente correlarsi alla vicenda personale del richiedente, e non resta integrato da condizioni di povertà o generali del suo paese d’origine o dall’affermazione di un lavoro reperito in Italia (cfr. Cass. n. 4455 del 2018 e Cass. n. 17072 del 2018, fra le altre);

– che non occorre provvedere sulle spese di lite.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, dichiara la sussistenza dei presupposti dell’obbligo di versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 21 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 23 luglio 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA