Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19837 del 05/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile sez. trib., 05/10/2016, (ud. 21/07/2016, dep. 05/10/2016), n.19837

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – rel. Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 9424/2010 R.G. proposto da:

STUDIO LEGALE ASSOCIATO AVV. L.C., AVV.

A.F.F. IN LIQUIDAZIONE, in persona dei suoi liquidatori avvocati

L.C. e A.F.F.;

e

AVV. L.C., AVV. A.F.F. IN PROPRIO, tutti

rappresentatati e difesi dall’Avv. A.F.F., giusta

procura speciale a margine del ricorso, ed elettivamente domiciliati

in Roma Piazza di Pietra n. 26, presso l’Avv. J.L.D.;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende;

– controricorrente –

e nei confronti di:

REGIONE LOMBARDIA (Direzione Risorse e Bilancio – Unità

Organizzativa Tributi);

– intimata –

avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale della

Lombardia n. 14/19/2009, depositata il 17/02/2009;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 21

luglio 2016 dal Relatore Cons. Emilio Iannello;

udito per i ricorrenti l’Avv. Jouvenal Long Daniela per delega;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.

BASILE Tommaso, il quale ha concluso per la declaratoria di

estinzione per rinuncia.

Fatto

OSSERVA IN FATTO E IN DIRITTO

1. Lo Studio Legale Associato Avv. L.C. – Avv. A.F.F. in liquidazione impugnava il silenzio-rifiuto dell’Agenzia delle Entrate sull’istanza di rimborso delle somme versate a titolo di Irap per gli anni dal (OMISSIS).

La C.T.P. di Milano respingeva il ricorso, con sentenza confermata dalla C.T.R. della Lombardia, con sentenza depositata il 17/02/2009.

Per la cassazione di detta sentenza, limitatamente alla parte nella quale la stessa riconosce i presupposti d’imposta con riferimento agli anni (OMISSIS), nei quali lo studio era in liquidazione, hanno proposto ricorso con tre motivi il predetto studio associato, in persona dei suoi liquidatori, nonchè gli stessi avvocati L. e A.F., in proprio.

L’Agenzia delle entrate ha depositato controricorso.

Con atto depositato in data 11/7/2016 i ricorrenti hanno depositato dichiarazione di rinuncia al ricorso, sottoscritta dal proprio legale rappresentante e dal proprio difensore, e anche dal difensore dell’Agenzia delle entrate, per accettazione.

2. Stante il rituale deposito di rinuncia al ricorso ai sensi dell’art. 390 c.p.c., va dichiarata l’estinzione del giudizio di cassazione per intervenuta rinuncia.

Tenuto conto della volontà delle parti espressa nel predetto atto, va disposta l’integrale compensazione delle spese del giudizio di legittimità tra le stesse.

PQM

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio di cassazione per rinuncia e compensa tra le parti le spese dello stesso giudizio.

Così deciso in Roma, il 21 luglio 2016.

Depositato in Cancelleria il 5 ottobre 2016

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA