Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19812 del 28/09/2011

Cassazione civile sez. II, 28/09/2011, (ud. 04/03/2011, dep. 28/09/2011), n.19812

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni – Presidente –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

Dott. MANNA Felice – Consigliere –

Dott. CORRENTI Vincenzo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

A.C. (OMISSIS), A.F.

(OMISSIS), A.M. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, PIAZZA MAZZINI 8, presso lo studio

dell’avvocato DELLA VALLE GIORGIO, che li rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

S.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA,

VIA DI TRASONE 8, presso lo studio dell’avvocato FORGIONE ERCOLE,

rappresentata e difesa dall’avvocato VETERE VINCENZO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 518/2004 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 07/10/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/03/2011 dal Consigliere Dott. VINCENZO CORRENTI;

udito l’Avvocato Della Valle Giorgio difensore dei ricorrenti che ha

chiesto l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SGROI Carmelo che ha concluso in primis l’integrazione del

contraddittorio, nel merito l’infondatezza del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

A.D., C., F., M. e R., I.M.R., C.A., R. e F. con atto 9.10.90 convenivano in giudizio davanti al tribunale di Paola S.A. esponendo che, con ricorso 5.9.88. la convenuta aveva chiesto il riconoscimento ex L. n. 346 del 1976 della proprietà di un terreno con annesso fabbricato rurale in (OMISSIS) f. 35. particelle 238 e 62 del comune di (OMISSIS), richiesta accolta con decreto 23.5.89. viziato in quanto non preceduto da alcuna notifica ai soggetti interessati nè esisteva l’usucapione essendo essi attori rimasti nel possesso fino al 1988.

Chiedevano il loro diritto di comproprietà.

Resisteva la S. ed, a seguito di prova testimoniale, la domanda veniva rigettata, decisione confermata dalla corte di appello di Catanzaro, con sentenza 518/2000, che sottolineava l’inesistenza nel ventennio precedente alla domanda di trascrizioni o iscrizioni relative ai beni controversi o di un obbligo di notifica del ricorso per usucapione speciale agli appellanti; il decreto di riconoscimento della proprietà non era suscettibile di passare in giudicato nei confronti di coloro rimasti estranei al procedimento; la prova per dimostrare la proprietà degli appellanti era del tutto insufficiente alla luce delle deposizioni escusse e quella documentale incompleta in quanto limitata alla certificazione catastale.

Ricorrono A.C., F. e M. con quattro motivi, illustrati da memoria, resiste S..

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Col primo motivo si deducono vizi di motivazione perchè non si è tenuto conto dei successivi passaggi di proprietà e della trascrizione della successione il 19.11.1955.

Col secondo motivo si lamentano violazione dell’art. 112 c.p.c. e vizi di motivazione perchè l’accertamento doveva vertere sulla fondatezza e validità di atti idonei ad integrare l’accettazione di eredità e non sul possesso ventennale.

Col terzo motivo si lamentano violazione dell’art. 948 c.c. dell’art. 2697 c.c. e vizi di motivazione perchè trattavasi non di azione di rivendicazione ma di accertamento di proprietà, con onere probatorio attenuato quando il convenuto non contesti l’originaria appartenenza del bene.

Col quarto motivo si deducono vizi di motivazione perchè la Corte di appello ha omesso di decidere sull’inesistenza dei presupposti per l’acquisto a titolo di usucapione di controparte.

La prima censura merita accoglimento.

La sentenza impugnata ha qualificato l’azione come di accertamento di proprietà che non attenua l’onere probatorio ed ha definito insufficiente la prova testimoniale e documentale, rilevando , per mera completezza, che la mancata prova di un possesso esclusivo della convenuta appellata, sollevata col terzo motivo di gravame, era estranea al thema decidendum.

Ciò premesso la sentenza ha omesso di considerare che il ricorso relativo alla speciale procedura per cui è causa va notificato anche ai titolari di diritti reali risultanti dai pubblici registri.

Prevede, invero, la L. n. 346 del 1976, art. 3 che l’istanza deve essere notificata a coloro che nei registri immobiliari figurano titolari di diritti reali ed a coloro che, nel ventennio antecedente, abbiano trascritto contro l’istante o suoi danti causa domanda giudiziale non perenta diretta a rivendicare la proprietà o altri diritti reali di godimento.

La frase che nella sentenza sembra riferirsi alla questione (la prova documentale è rimasta incompleta in quanto limitata alla sola certificazione catastale e mai integrata da un valido titolo di acquisto) è del tutto generica, non comprendendosi a quale dato catastale si riferisca e tralascia di considerare la questione della successione ereditaria, trascritta nel 1955.

Donde l’inadeguatezza della decisione e la cassazione con rinvio al giudice di primo grado per essersi il giudizio instaurato e svolto in difetto del contraddittorio nei confronti dei soggetti indicati dalla L. 10 maggio 1976, n. 346, art. 3. Restano assorbiti gli altri motivi.

P.Q.M.

La Corte accoglie il primo motivo di ricorso, dichiara assorbiti gli altri, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese al Tribunale di Paola.

Così deciso in Roma, il 4 marzo 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA