Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19799 del 28/09/2011

Cassazione civile sez. III, 28/09/2011, (ud. 14/07/2011, dep. 28/09/2011), n.19799

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARLEO Giovanni – Presidente –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – rel. Consigliere –

Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere –

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

DOMENICO DIBATTISTA COSTRUZIONI S.R.L. (OMISSIS) in persona della

D.ssa D.M.A. Amministratore Unico legale rapprsentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PANAMA 7 4 INT.

8, presso lo studio dell’avvocato COLAPINTO CARLO, che la rappresenta

e difende giusto mandato in atti;

– ricorrente –

contro

REGIONE PUGLIA (OMISSIS) in persona del suo Presidente e legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA

BARBERINI 12, presso lo studio dell’avvocato PATRONI GRIFFI UGO, che

la rappresenta e difende giusto mandato in atti;

– controricorrente –

e contro

CS BONIFICA TERRE D’APULIA;

– intimato –

avverso la sentenza n. 24195/2004 del TRIBUNALE di ROMA, depositata

il 23/08/2004, R.G.N. 15377/2003;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/07/2011 dal Consigliere Dott. ADELAIDE AMENDOLA;

udito l’Avvocato UGO PATRONI GRIFFI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

DESTRO Carlo che ha concluso per l’inammissibilità.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso depositato il 25 febbraio 2003 la Dott. Domenico Dibattista Costruzioni s.r.l. e l’A.T.I. Dott. Domenico Dibattista Costruzioni s.r.l. – Intercantieri Vittadello s.p.a. proposero opposizione avverso l’ordinanza di assegnazione emessa dal giudice dell’esecuzione in data 10 febbraio 2003, con la quale, all’esito del procedimento di espropriazione da esse promosso contro il Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia, presso la Cassa Depositi e Prestiti, era stata loro assegnata la somma di Euro 6.127.042,41.

Assunsero le opponenti che l’ordinanza di assegnazione era illegittima, in quanto la corresponsione delle somme da parte del terzo pignorato era stata condizionata al verificarsi delle condizioni di esigibilità espresse nella dichiarazione.

Costituitasi in giudizio, la Regione Puglia chiese il rigetto dell’opposizione.

Con sentenza depositata il 23 agosto 2004 il Tribunale di Roma l’ha respinta.

Avverso detta pronuncia propone ricorso per cassazione la Dott. Domenico Dibattista Costruzioni s.r.l., in proprio e quale mandataria dell’A.T.I. Dott. Domenico Dibattista Costruzioni s.r.l. – Intercantieri Vittadello s.p.a., articolando due motivi.

Resiste con controricorso la Regione Puglia.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1 Preliminare e assorbente rispetto all’esame dei motivi proposti è la verifica dell’adempimento degli oneri processuali connessi all’ordine di integrazione del contraddittorio emesso dal collegio.

A norma dell’art. 331 cod. proc. civ., “se la sentenza pronunciata tra più parti in causa inscindibile o in cause tra loro dipendenti non è stata impugnata nei confronti di tutte, il giudice ordina l’integrazione del contraddittorio, fissando il termine nel quale la notificazione deve essere fatta e, se è necessario, l’udienza di comparizione” (comma 1), di talchè “l’impugnazione è dichiarata inammissibile se nessuna delle parti provvede all’integrazione nel termine fissato” (comma 2).

A sua volta l’art. 371 bis cod. proc. civ. dispone, “qualora la Corte abbia ordinato l’integrazione del contraddittorio, assegnando alle parti un termine perentorio per provvedervi, il ricorso notificato, contenente nell’intestazione le parole atto di integrazione del contraddittorio, deve essere depositato nella cancelleria della Corte stessa, a pena di improcedibilità, entro venti giorni dalla scadenza del termine assegnato”.

Ora, con ordinanza del 9 febbraio 2011, il collegio, rilevato che non risultava prodotta la ricevuta di ritorno attestante l’avvenuta notifica del ricorso al Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia, ha disposto l’integrazione del contraddittorio nei confronti dello stesso, assegnando all’uopo termine di giorni sessanta dalla comunicazione dell’ordinanza. Tanto in applicazione del principio, affermato dalle sezioni unite di questa Corte, secondo cui, nel caso di cause inscindibili, qualora l’impugnazione risulti proposta nei confronti di tutti i legittimati passivi, nel senso che l’appellante (o il ricorrente) li abbia correttamente individuati e indicati come destinatari dell’impugnazione medesima, ma poi, in relazione ad uno o ad alcuni di essi, la notificazione sia risultata inefficace o inesistente, sia stata omessa o non ne sia stato dimostrato il perfezionamento – come in caso di mancata produzione dell’avviso di ricevimento, ove la notifica sia avvenuta a mezzo posta, – deve trovare applicazione l’art. 331 cod. proc. civ., in ossequio al principio del giusto processo, ex art. 111 cod. proc. civ., da ritenersi prevalente, di regola, rispetto a quello della sua ragionevole durata, di talchè il giudice deve ordinare l’integrazione del contraddittorio, e non può tout court dichiarare inammissibile l’impugnazione (Cass. civ. sez. un. 11 giugno 2010, n. 14124).

2 Emesso dunque l’ordine di rinotifica, nessuna attività è stata compiuta dagli impugnanti.

In tale contesto il ricorso, ex art. 331 c.p.c., comma 2, e ex art. 371 bis cod. proc. civ., deve essere dichiarato inammissibile.

Segue la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese di giudizio nei confronti della parte costituita.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile. Condanna i ricorrenti al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in complessivi Euro 3.200,00 (di cui Euro 3.000,00 per onorari), oltre IVA e CPA, come per legge.

Così deciso in Roma, il 14 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 28 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA