Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19743 del 17/09/2010

Cassazione civile sez. trib., 17/09/2010, (ud. 28/05/2010, dep. 17/09/2010), n.19743

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PIVETTI Marco – rel. Presidente –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. GRECO Antonio – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 32112-2006 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope

legis;

– ricorrente –

contro

T.S., elettivamente domiciliato in ROMA VIA MONTE DELLE

GIOIE 13, presso lo studio dell’avvocato VALENSISE CAROLINA, che lo

rappresenta e difende, giusta delega a margine;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 20/2006 della COMM. TRIB. REG. di ROMA,

depositata il 07/04/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

28/05/2010 dal Presidente e Relatore Dott. MARCO PIVETTI;

udito per il resistente l’Avvocato VALENSISE, che ha chiesto

l’inammissibilità;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso notificato il 16 novembre 2006, l’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso contro la sentenza della Commissione tributaria regionale di Roma depositata il 7 aprile 2006 che, accogliendo l’appello del contribuente sig. T.S., aveva annullato gli avvisi di accertamento per IVA, IRPEF e SSN relativi agli anni 1995 e 1996, avendo ritenuto che in tali anni l’impresa del contribuente fosse rimasta del tutto inattiva e priva di collaboratori.

A fondamento del ricorso l’amministrazione finanziaria deduceva “violazione di legge ex art. 360, n. 5 per insufficienza motivazione su di un punto decisivo della controversia”.

T.S. ha depositato controricorso chiedendo che il ricorso fosse dichiarato respinto perchè inammissibile e/o infondato.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso è inammissibile per tardività ai sensi dell’art. 325 cod. proc. civ..

La sentenza impugnata, infatti, è stata notificata il 2 agosto 2006 e pertanto il termine di 60 giorni, decorrente dalla fine del periodo di sospensione feriale, scadeva il 14 novembre, mentre il ricorso è stato consegnato per la notifica il 16 novembre 2006 (con erronea indicazione “ultimo giorno il 15 novembre 20062). Non ha quindi comunque alcun rilievo il fatto, certificato dall’Ufficio nella precedente fase camerale, che il giorno 15 novembre 2006 l’UNEP sia rimasto chiuso per assemblea sindacale.

PQM

– dichiara inammissibile il ricorso;

– condanna l’amministrazione ricorrente alle spese del giudizio di cassazione che liquida in Euro 4.000, di cui 3.800 per onorari oltre a spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 28 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA