Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19731 del 27/09/2011

Cassazione civile sez. III, 27/09/2011, (ud. 19/04/2011, dep. 27/09/2011), n.19731

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni Battista – Presidente –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – rel. Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – Consigliere –

Dott. ARMANO Uliana – Consigliere –

Dott. LANZILLO Raffaella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

E.C. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA CELIMONTANA 38, presso lo studio dell’avvocato PANARITI

BENITO, rappresentata e difesa dall’avvocato BRACHI LUCA giusta

delega in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

CALLIOPE S.P.A. (OMISSIS) cessionaria dei crediti della BANCA

NAZIONALE LAVORO e per essa quale mandataria la PIRELLI RE CREDIT in

persona dell’Avvocato ELISA PAGGI, elettivamente domiciliata in ROMA,

LUNGOTEVERE FLAMINIO 60, presso lo studio dell’avvocato LONGO

RUGGERO, rappresentata e difesa dall’avvocato LEONE GRAZIO giusta

delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

CASSA RISPARMIO FIRENZE, M.I., E.V.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1549/2008 della CORTE D’APPELLO di FIRENZE, 1^

SEZIONE CIVILE, emessa il 3/10/2008, depositata il 12/11/2008, R.G.N.

2222/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/04/2011 dal Consigliere Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SCARDACCIONE Eduardo Vittorio che ha concluso per il rigetto.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 7 aprile 2009 la Corte di appello di Firenze accoglieva l’appello della B.N.L. e dichiarava pertanto l’inefficacia ai sensi dell’art. 2901 c.c., n. 1 delle vendite impugnate premettendo: a) con citazione del 30 maggio 1997 la s.p.a. B.N.L. aveva citato in giudizio V. e E.C. deducendo di esser creditrice della s.r.l. Filatura a pettine Corallo s.r.l. e del suo fideiussore E.V. della somma di L. 346.654.380,, oltre accessori, per titoli insoluti, per il cui pagamento aveva ottenuto decreto ingiuntivo n. 167/96 notificato alla debitrice principale ed ai cofideiussori e non opposto; b) Virgilio E., oltre non pagare il debito, il 28 ottobre 1993, con due atti notarili, aveva simulatamente venduto alla figlia C. la nuda proprietà esclusiva dell’appartamento situato a Firenze ed il 50% della nuda proprietà di altro appartamento in Prato (nonchè di altro appartamento in Viareggio di cui però non era stata chiesta l’inefficacia); c) in giudizio era intervenuta la Cassa di Risparmio di Firenze, formulando pretese analoghe; d) il Tribunale aveva rigettato la domanda per mancanza di prova, in particolare sulla scientia damni da parte dell’acquirente; e) il pregiudizio della Banca, per la configurabilità del quale è sufficiente la maggiore difficoltà o incertezza nell’esazione del credito della società finanziata per la quale aveva prestato garanzia l’ E., era costituito dalle predette alienazioni dei beni del debitore a sua figlia; f) la fideiussione del 16 luglio 1991 era anteriore a tali atti e la consapevolezza di sottrarre le garanzie ai creditori era desumibile da gravi indizi, precisi e concordanti,- quali: per l’alienante la conoscenza della crisi della Filatura Corallo s.r.l. – di cui era socio e Presidente – ancor prima del bilancio passivo del dicembre 1995 poichè la stessa figlia C. aveva ammesso che era collegata alle difficoltà del socio di maggioranza, D.F. M., sfociate nel suo fallimento del (OMISSIS) quale (socio di fatto della Bertilla Meneghetti, fallita fin dal (OMISSIS), e la vendita della nuda proprietà alla predetta figlia di tutto il patrimonio immobiliare a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato senza logiche spiegazioni; per l’acquirente, l’interesse a mettere in salvo il patrimonio di famiglia essendo consapevole, quale figlia del venditore, delle ragioni dell’operazione, altrimenti inspiegabile.

Ricorre per cassazione E.C. cui resiste la s.r.l.

Calliope, cessionaria prò soluto di un pacchetto di crediti spettanti alla B.N.L. tra cui quello di cui è causa. V. E. non ha svolto attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- Con il primo motivo la ricorrente deduce: “Violazione dell’art. 360 n. 3 in relazione all’art. 2901 c.c., n. 1” che conclude con il seguente quesito di diritto: “la presenza di una mera posizione di debito – ancorchè non esigibile – quale la garanzia fideiussoria integra il presupposto di cui all’art. 2901 c.c. che consente al creditore garantito (in particolare le banche) di esperire l’azione revocatoria ordinaria contro gli atti di disposizione del garante/debitore successivi al sorgere della posizione d’ obbligo di garanzia e prima che questa divenga escutibile ed esigibile anche quando, dopo tali atti di disposizione, il creditore ha continuato ad erogare credito al medesimo debitore principale pur sapendo dei medesimi atti di disposizione od ignorandoli con colpa, ovvero, in contrario, in tale caso (come quello in esame) l’azione revocatoria non è ammissibile (nè) esperibile poichè il creditore (banca) sapeva o ha ignorato, con colpa, la presenza di atti pregiudizievoli della garanzia tali da provocare la sopravvenuta insufficienza del patrimonio (in mìnor vantaggiosità di quello sostituito) del garante a soddisfare il credito (non ancora esigibile, escusso od escutibile) continuando invece ad erogare il credito al debitore principale quando il garante era divenuto insolvente ed aveva ridotto le proprie garanzia?”. Il motivo, volto ad introdurre nuove questioni di diritto e di fatto rispetto a quelle dibattute nel merito – e cioè l’ambito di applicabilità dell’art. 1956 cod. civ. in relazione all’art. 2901 cod. civ. nella fattispecie concreta, neppure sintetizzata nel necessario quesìto, che pertanto è astratto in parte qua, e che implica nuovi accertamenti di fatto sulla data e l’ammontare dell’asserito ampliamento del fido alla garantita rispetto alla originaria cipertura in conto corrente – è inammissibile.

2.- Con il secondo motivo deduce:”Violazione dell’art. 360 c.p.c., n. 5, con riferimento alla sussistenza o meno (in capo alla ricorrente) dello stato soggettivo dell’azione revocatoria ex art. 2901 c.c., comma 1, n. 2″ con cui sostanzialmente lamenta non aver la Corte considerato, a differenza del primo giudice, una possibile ricostruzione degli indizi diversa sì da esser insufficiente il quadro presuntivo ritenuto nella sentenza impugnata, che invece, con motivazione compiuta ed immune da vizi, ha motivato compiutamente l’esistenza della prova presuntiva della scientia fraudis della figlia nell’acquistare il patrimonio del padre.

Pertanto anche questo motivo è inammissibile.

3.- Concludendo il ricorso va respinto. Le spese del giudizio di cassazione seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la ricorrente a pagare alla Calliope s.r.l. Euro 7.200 di cui Euro 200 per spese, oltre spese generali e accessori di legge.

Così deciso in Roma, il 19 aprile 2011.

Depositato in Cancelleria il 27 settembre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA