Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19709 del 17/09/2010

Cassazione civile sez. un., 17/09/2010, (ud. 18/05/2010, dep. 17/09/2010), n.19709

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE UNITE CIVILI

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ELEFANTE Antonino – Primo Presidente –

Dott. PROTO Vincenzo – Presidente di sezione –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. PICONE Pasquale – Consigliere –

Dott. FINOCCHIARO Mario – Consigliere –

Dott. CECCHERINI Aldo – Consigliere –

Dott. MACIOCE Luigi – Consigliere –

Dott. BUCCIANTE Ettore – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 9695/2009 proposto da:

G.G. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA LAURA MANTEGAZZA 24, presso lo studio del cav. GARDIN

LUIGI, rappresentato e difeso dall’avvocato VALLA GIACOMO, per delega

a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

R.M. ((OMISSIS)), elettivamente domiciliata

in ROMA, VIA PRINCIPESSA CLOTILDE 2, presso lo studio dell’avvocato

DORE SEBASTIANA, che la rappresenta e difende, per delega a margine

del controricorso;

– controricorrente –

e contro

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI;

– intimata –

avverso la decisione n. 354/2009 del CONSIGLIO DI STATO, depositata

il 26/01/2009;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

18/05/2010 dal Consigliere Dott. FILIPPO CURCURUTO.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Visto il ricorso proposto da G.G. contro R.M. G. e nei confronti dell’Università degli Studi di Bari per la Cassazione della sentenza resa dal Consiglio di Stato il 26 gennaio 2009; ritenuto che non sussistono i presupposti per una decisione in Camera di consiglio.

P.Q.M.

Rinvia la causa alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, il 18 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 17 settembre 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA