Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19706 del 27/09/2011

Cassazione civile sez. trib., 27/09/2011, (ud. 30/06/2011, dep. 27/09/2011), n.19706

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. D’ALONZO Michele – Consigliere –

Dott. FERRARA Ettore – Consigliere –

Dott. DI IASI Camilla – Consigliere –

Dott. IACOBELLIS Marcello – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

Comune di Frascati, in persona del legale rapp.te pro tempore,

elett.te dom.to in Roma, al Viale Mazzini n. 11, presso lo studio

dell’avv. DI RIENZO Pasquale, dal quale è rapp.to e difeso, giusta

procura in atti;

– ricorrente –

contro

Ministero dell’Economia e delle Finanze e Agenzia delle Entrate, in

persona del legale rapp.te pro tempore;

– intimata –

per la cassazione della sentenza della Commissione Tributaria

Centrale n. 9072/2005/18 depositata l’11/11/2005;

Udita la relazione della causa svolta dal Consigliere Relatore Dott.

Marcello Iacobellis;

udite le richieste del P.M., in persona del Sostituto Procuratore

Generale, Dott. APICE Umberto, che ha concluso per l’accoglimento del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

La controversia promossa dal Comune di Frascati contro il Ministero dell’Economia e l’Agenzia delle Entrate è stata definita con la decisione in epigrafe, recante l’accoglimento dei ricorsi proposti dall’Ufficio contro le sentenze della Commissione di 2^ grado nn. 18055, 18062-18066 che avevano confermato l’accoglimento dei ricorsi proposti dal Comune avverso gli accertamenti di maggior valore con i quali veniva richiesta al Comune l’imposta di registro proporzionale per l’alienazione a privati di alcuni immobili già locati con patto di futura vendita. La CTC escludeva l’applicabilità dell’imposta fisso di registro ai sensi del R.D. n. 1165 del 1938, art. 153, rilevando che trattandosi di norma abrogata dal D.P.R. n. 601 del 1973, art. 42; la CTC, inoltre, escludeva l’applicabilità, ai medesimi fini, del D.P.R. n. 601 del 1973, sia in considerazione della data di costruzione – anteriore all’1/1/1974 (per cui gli alloggi non potevano ritenersi realizzati in attuazione di programmi di programmi pubblici di edilizia residenziale) sia in quanto la norma, di stretta interpretazione, faceva riferimento ai soli edifici realizzati dalla Gescal.

Il ricorso proposto si articola in unico motivo. Nessuna attività difensiva hanno svolto gli intimati.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo (con cui deduce violazione e/o falsa applicazione del D.P.R. n. 601 del 1973, art. 32, L. n. 865 del 1971, art. 48, e segg., del D.P.R. n. 1035 del 1972, art. 1, D.L.C.P.S. n. 399 del 1947, in relazione al disposto l’art. 360 c.p.c., n. 3) il ricorrente assume che le agevolazioni di cui all’art. 32 cit., andrebbero estese anche ai Comuni in virtù del rinvio alle norme sui programmi pubblici di edilizia residenziale intendendosi per tali quelli diretti alla costruzione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, cioè di alloggi da costruirsi da parte di enti pubblici a carico o con il concorso dello Stato.

La censura è infondata. Il D.P.R. n. 601 del 1973, art. 32, comma 2, prevede la soggezione all’imposta di registro in misura fissa per “gli atti e i contratti relativi all’attuazione dei programmi pubblici di edilizia residenziale di cui al titolo 4^ della legge indicata nel comma 1” (L. n. 865 del 1971). Il riferimento espresso al titolo 4^, programmi pubblici di edilizia residenziale – in cui è ricompreso l’art. 57 secondo cui la realizzazione di tali interventi affidata di norma agli istituti autonomi per le case popolari e loro consorzi e a cooperative e loro consorzi attraverso apposite convenzioni. Può essere altresì affidata a società a prevalente partecipazione statale sulla base di convenzioni all’uopo stipulate dalle regioni; l’abrogazione da parte dell’art. 42 del D.P.R. cit., di tutte le disposizioni concernenti esenzioni e agevolazioni tributarie ….diverse da quelle considerate nel decreto stesso;

unitamente al divieto di un’applicazione analogica o estensiva delle norme sulle agevolazioni ed esenzioni fiscali portano questa Corte a riaffermare che le agevolazioni in parola sono applicabili ai soli atti che rispondono ai requisiti espressamente previsti dalla disposizione medesima, e che pertanto risultino posti in essere da quei limitati soggetti ai quali la L. n. 865 del 1971 affida l’attuazione dei programmi pubblici di edilizia residenziale (conf.

Cass. sent. n. 28903 del 09/12/2008; Sentenza n. 10950 del 24/05/2005; Cass. 18.2.1999, n. 1341; Cass. n. 5023/1996; Cass. n. 7062/1994).

Consegue da quanto sopra il rigetto del ricorso. Nulla per le spese in assenza di attività difensiva.

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 30 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 27 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA