Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19693 del 07/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 07/08/2017, (ud. 21/06/2017, dep.07/08/2017),  n. 19693

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 15225-2016 proposto da:

RETE FERROVIARIA ITALIANA S.P.A., (C.F. (OMISSIS), P.I. (OMISSIS)),

in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, L.G. FARAVELLI 22, presso lo studio

dell’avvocato ARTURO MARESCA, che la rappresenta e difende

unitamente all’avvocato ROSA PINO;

– ricorrente –

contro

M.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA Q. MAIORANA 9,

presso lo studio dell’avvocato AURORA FRANCESCA NOTARIANNI, (Studio

Fazzari) che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 24/2016 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 10/3/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 21/6/2017 dal Consigliere Dott. CATERINA MAROTTA.

Fatto

PREMESSO

che:

– Rete Ferroviaria Sud S.p.A. ha proposto ricorso per cassazione, affidato a due motivi, nei confronti di M.P., avverso la sentenza della Corte di appello di Messina che, in solo parziale riforma della decisione del Tribunale della stessa sede, previa conferma della declaratoria di illegittimità dei contratti di arruolamento stipulati tra le suddette parti dal 1999 al 2009 (ancorchè sulla base di una motivazione diversa da quella del Tribunale e cioè ritenendo che l’illegittimità fosse derivata da un comportamento in frode alla legge ex art. 1344 c.c. atteso che il numero dei contratti stipulati in rapporto al complessivo arco temporale di riferimento, il susseguirsi degli stessi spesso a distanza di poco più di 60 giorni, consentiva di ravvisare l’esistenza di una costante esigenza della società allo svolgimento dell’attività affidata al lavoratore con contratto a termine e dunque l’intento frodatorio), della pronuncia di instaurazione di un rapporto a tempo indeterminato, della quantificazione in 10 mensilità dell’indennità risarcitoria L. n. 183 del 2010, ex art. 32 ha condannato la società a corrispondere al lavoratore anche la retribuzione dovuta dalla data della sentenza di primo grado fino alla riassunzione, detratto eventualmente l’aliunde perceptum;

– M.P. ha resistito con controricorso.

Diritto

RILEVATO

che:

– in sede di proposta ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c., con particolare riferimento al secondo motivo del ricorso, si è sostenuto che nessuna violazione di legge fosse stata integrata e che i criteri rivelatori dell’intento fraudolento fossero stati individuati sulla base di un accertamento in fatto incensurabile in sede di legittimità, richiamandosi a tal fine Corte di Giustizia del 3 luglio 2014 C-362/13, Fiamingo ed altri contro Rete Ferroviaria S.p.A. – punti da n. 71 a 74 -, Cass. 8 gennaio 2015, nn. 59 e 62, Cass. 9 febbraio 2015, n. 2372, Cass. 4 marzo 2015, n. 4348;

– con la memoria ritualmente depositata la società ha posto specificamente il problema dei criteri di individuazione di una frode qualificata, ribadendo l’assunto secondo il quale la stessa erroneamente fosse stata ritenuta integrata dalla Corte territoriale attraverso l’introduzione di un principio quantitativo (frequenza e reiterazione dei contratti a termine stipulati tra le parti) del tutto estraneo all’art. 1344 c.c.;

Ritenuto che:

– non sussistono le condizioni per la trattazione del ricorso in camera di consiglio essendo la suddetta questione meritevole di approfondimento;

– appare, in conseguenza, opportuno che la causa sia trattata in pubblica udienza, sollecitando la discussione delle parti e della Procura Generale.

PQM

 

La Corte rinvia alla pubblica udienza della quarta sezione lavoro.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 21 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 7 agosto 2017

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA