Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1969 del 26/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 1969 Anno 2018
Presidente: DI IASI CAMILLA
Relatore: DE MASI ORONZO

ORDINANZA
sul ricorso 11431-2012 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende;
– ricorrente contro

RETI TELEVISIVE ITALIANE – R.T.I. SPA, elettivamente
2017
2840

domiciliato in ROMA VIA DELLA SCROFA 57, presso lo
studio dell’avvocato GIUSEPPE PIZZONIA, che lo
rappresenta e difende unitamente agli avvocati
GIUSEPPE RUSSO CORVACE, GIANCARLO ZOPPINI;
– controrícorrente –

avverso la sentenza n. 38/2011 della COMM.TRIB.REG. di

Data pubblicazione: 26/01/2018

MILANO, depositata il 14/03/2011;
udita la relazione della causa svolta nella camera

di

consiglio del 22/11/2017 dal Consigliere Dott. ORONZO

DE MASI.

RITENUTO

che la controversia, promossa da Reti Televisive Italiane – R.T.I. s.p.a. (per brevità R.T.I.),
nei confronti

dell’Agenzia delle Entrate, concernente la impugnazione dell’avviso di

liquidazione n. 76664/08 dell’imposta suppletiva di registro, e

sanzioni, relativa ad un

contratto con il quale la Fintrading s.r.l. aveva ceduto tre impianti di trasmissioni
radiotelevisive, di cui era titolare, subordinando l’efficacia del contratto a condizione
sospensiva, essendo stata versata, alla registrazione dell’atto, l’imposta in misura fissa (Euro

sospensiva, ed avendo l’Ufficio provveduto a riqualificare il contratto de quo come cessione di
ramo d’azienda, anziché come alienazione di beni aziendali, operazione quest’ultima soggetta
ad iva che, per il principio di alternatività iva/registro, sconta appunto l’imposta di registro in
misura fissa;
che la adita Commissione tributaria provinciale di Milano accolse il ricorso della contribuente, e
rilevata la impossibilità di qualificazione come cessione di ramo d’azienda l’alienazione di un
impianto di trasmissioni televisive non in grado di funzionare da solo, ritenne l’atto soggetto
ad iva, e la Commissione tributaria regionale della Lombardia, con sentenza n. 38/45/11,
depositata il 14/3/2011, ha respinto l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate, in
accoglimento della eccezione, riproposta con l’appello incidentale e ritenuta assorbente di ogni
altra questione proposta dalle parti nei rispettivi gravami, concernente l’intervenuta
decadenza del potere di accertamento dell’Ufficio, per essere stato notificato l’impugnato
avviso di liquidazione in data 6/10/2008, oltre il termine di tre anni dal 27/1/2005, data di
registrazione dell’atto, come stabilito dall’art. 76, comma 2, lett. c), D.P.R. n. 131 del 1986;
che l’Agenzia delle Entrate ricorre per ottenere la cassazione della sentenza con tre motivi, cui
resiste con controricorso la intimata contribuente;

CONSIDERATO

che la ricorrente denuncia, con il primo motivo, il vizio di cui all’art. 360 c.p.c., n. 3, in
relazione alla dedotta violazione e falsa applicazione degli artt. 19, comma 1, 27, commi 1 e 2,
76, comma 1, ultimo periodo, e comma 2, lett. c), D.P.R. n. 131 del 1986, giacché il Giudice di
appello non ha considerato che il contratto de quo è stato sottoposto, com’è pacifico tra le
parti, a condizione sospensiva,

>i,

che la denuncia di avveramento non è stata presentata da

alcuna di esse, nella convinzione che si trattasse di operazione soggetta ad iva, e che il
verificarsi dell’evento dedotto in condizione non desse luogo ad alcuna ulteriore liquidazione
d’imposta, ma che il termine di decadenza da applicarsi è quello di cinque anni, decorrenti dal
giorno in cui la denuncia di avveramento della condizione sospensiva apposta al contratto
avrebbe dovuto essere presentata, in quanto fintanto che

la condizione non si verifica,

l’imposta di registro non è dovuta “secondo la intrinseca natura e gli effetti giuridici” dell’atto
1

168,00), non avendo nessuna delle parti denunciato l’avveramento della condizione

presentato alla registrazione, come stabilito dall’art. 20, D.P.R. n. 131 del 1986, ma in misura
fissa, prescindendo da qualsivoglia indagine dell’Ufficio circa la qualificazione giuridica
dell’operazione ed il conseguente regime impositivo applicabile, da effettuarsi soltanto se la
condizione si verifica ; e nel momento in cui si verifica, per cui il termine di decadenza del
potere di rettifica e/o liquidazione dell’imposta non può decorrere prima di tale momento,
come stabilito dall’art. 76, comma 1, ultimo periodo, D.P.R. n. 131 del 1986;
che, con il secondo motivo, denuncia, in via gradata, il vizio di cui all’art. 360 c.p.c., n. 3, in
relazione alla dedotta violazione e falsa applicazione degli artt. 19, comma 1, 27, commi 1 e 2,

appello non ha considerato che la fattispecie riguarda la qualificazione giuridica di un contratto
di alienazione di un impianto di trasmissioni radiotelevisive, al quale era stata tra l’altro
apposta una condizione sospensiva, come cessione di ramo di azienda, che l’apposizione della
condizione sospensiva di per sé stessa comporta la registrazione dell’atto con pagamento
dell’imposta in misura fissa (euro 168,00), come stabilito dagli artt. 27, commi 1 e 2, D.P.R.
n. 131 del 1986, e 11, ultimo periodo della Tariffa, Parte Prima, allegata al D.P.R. citato, che
individua tale misura in euro 168,00, nonché la riscossione della differenza tra imposta dovuta
secondo le norme vigenti al momento della formazione dell’atto e quella pagata in sede di
registrazione, che la qualificazione del contratto come cessione di ramo d’azienda ne comporta
l’assoggettamento all’imposta proporzionale di registro (3%), ai sensi dell’art. 9 della Tariffa,
Parte Prima, allegata al D.P.R. n. 131 del 1986, e che in tal caso l’avveramento della
condizione sospensiva dà luogo ad ulteriore liquidazione d’imposta e, stante anche l’obbligo di
denunciare detto avveramento, essendo quella scontata in sede di registrazione inferiore a
quella definitivamente dovuta, all’applicazione del regime sopra individuato decadenziale
quinquennale;
che, con il terzo motivo, denuncia, in via ulteriormente gradata, il vizio di cui all’art. 360
c.p.c., n. 4, in relazione agli artt. 61 e 36, comma 2, n. 4, D.Lgs. n. 546 del 1992, e deduce la
nullità della sentenza impugnata difettando di motivazione in punto di rilevanza della mancata
denuncia dell’avveramento della condizione sospensiva apposta al contratto presentato per la
registrazione, e non risultando riscostruibile l’iter logico seguito per pervenire alla applicazione
del regime decadenziale triennale, questione intimamente collegata alla ricorrenza, o meno,
nella fattispecie dell’obbligo di denuncia medesimo.
che, preliminarmente, va esaminata la questione afferente la sopravvenienza in corso di causa
della disciplina contenuta nel comma 7 bis dell’art. 27, D.Lgs. n. 177 del 2005 (come
introdotto dall’articolo 40, comma 9 bis, D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito dalla L. n.
214 del 2001, in vigore dal 28 dicembre 2011), secondo cui: “La cessione anche di un singolo
impianto radiotelevisivo, quando non ha per oggetto unicamente le attrezzature, si considera
cessione di ramo d’azienda. Gli atti relativi ai trasferimenti di impianti e di rami d’azienda ai
sensi del presente articolo, posti in essere dagli operatori del settore prima della data di

2

76, comma 1, ultimo periodo, e comma 2, lett. c), D.P.R. n. 131 del 1986, giacché il Giudice di

entrata in vigore delle disposizioni di cui al presente comma, sono in ogni caso validi e non
rettificabili ai fini tributari”;
che la disposizione ha stabilito, per le future cessioni d’impianto, un rigido criterio di
qualificazione, ma – al contempo – ha inteso assicurare l’intangibilità fiscale delle cessioni
pregresse (come la presente), onde garantire certezza di programmazione ed operatività agli
operatori di un settore economico reputato di particolare rilevanza e delicatezza;
che in tal senso si è univocamente espressa questa Corte, con le recenti sentenze n.
17515/2007 e n. 18498/2017, cui va data continuità, nella quali evidenzia come la stessa

proprio al fine di stabilire il più appropriato regime di tassazione, nell’alternatività tra iva ed
imposta di registro – che: “- (…) con l’intervento normativo in esame, il legislatore ha inteso
superare le incertezze interpretative emerse in relazione alla qualificazione delle cessioni di
impianti radiotelevisivi, trattate, in alcuni casi, come cessioni di beni e, in altri, come
trasferimenti di ramo d’azienda; – trattandosi di qualificare l’atto secondo l’effettivo oggetto del
trasferimento, così come disposto dalla norma sopravvenuta, si deve ritenere “che la cessione
delle attrezzature unitamente ad altre risorse (quali frequenze, marchi, brevetti) configuri una
cessione di azienda o di ramo d’azienda, come tale esclusa dal campo di applicazione dell’IVA,
mentre il trasferimento delle sole ‘attrezzature’ configuri una cessione di beni, rilevante ai fini
dell’imposta sul valore aggiunto”; – sono comunque fatti salvi “i comportamenti pregressi
adottati dagli operatori del settore, riconoscendosi in ogni caso la validità della qualificazione
giuridico – tributaria attribuita agli atti relativi alla cessione di impianti radiotelevisivi come
definiti dalla disposizione in

esame, posti

in

essere

prima dell’entrata in vigore della

disposizione stessa”;
che, pertanto, se la qualificazione giuridica data dalle parti contraenti è

divenuta ex lege

fiscalmente insuscettibile di rettifiche postume da parte dell’Amministrazione finanziaria, non
resta che prendere atto del venir meno di un concreto interesse dell’odierna ricorrente, a
vedere accertato se,

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA