Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 1961 del 25/01/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 25/01/2017, (ud. 07/12/2016, dep.25/01/2017),  n. 1961

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 24449-2013 proposto da:

R.A., B.M., R.T., elettivamente

domiciliate in ROMA, VIA DI VIGNA FABBRI 29, presso lo studio

dell’avvocato FRANCESCANTONIO BORELLO, che li rappresenta e difende

unitamente e disgiuntamente all’avvocato MARA ARGENTA VURCHIO giusta

procura speciale a margine del controricorso;

– ricorrenti –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 42/38/2013 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DI TORINO, emessa il 10/12/2012 e depositata il

19/03/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. CONTI ROBERTO GIOVANNI.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

B.M., R.T. e R.A., quali eredi di R.L., hanno proposto ricorso per cassazione, affidato ad un unico motivo, contro la sentenza indicata in epigrafe resa dalla CTR Piemonte che ha negato il diritto al rimborso dell’IVA indicata nella dichiarazione 2006. L’Agenzia delle entrate si è riservata di partecipare all’udienza pubblica non spiegando difese scritte.

Il procedimento può essere definito con motivazione semplificata.

Il motivo di ricorso, fondato sulla violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 633 del 1972, artt. 30 e 38 bis e del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21, comma 2, è fondato.

Ed invero, questa Corte ha ritenuto in tema di IVA che “la richiesta di rimborso relativa all’eccedenza d’imposta, risultata alla cessazione dell’attività, essendo regolata dal D.P.R. n. 633 del 1972, art. 30, comma 2, è soggetta al termine di prescrizione ordinario decennale e non a quello biennale di cui al D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 21, applicabile in via sussidiaria e residuale, in mancanza di disposizione specifiche; proprio perchè l’attività non prosegue, non sarebbe infatti possibile portare l’eccedenza in detrazione l’anno successivo” (Cass. n. 9794/2010; Cass. 25318/10 e 13920/11; Cass. 27948/09, Cass. n. 14070/2012 e Cass. n. 7684, 7685, 23580/2012).

La sentenza impugnata, ritenendo che la procedura relativa alla richiesta di rimborso del credito relativo ad attività cessata fosse soggetta al termine decadenziale e non a quello di prescrizione decennale, ha violato i principi sopra esposti ritenendo dirimente ai fini del chiesto rimborso la presentazione del modello VR ancorchè il credito fosse stato indicato in dichiarazione.

Sulla base di tali considerazioni in accoglimento del ricorso, la sentenza impugnata va cassata ed il procedimento può essere definito in questa sede con l’accoglimento del ricorso introduttivo. Ricorrono giusti motivi per compensare le spese del giudizi odi merito, dovendosi porre quelle del giudizio di legittimità a carico dell’Agenzia.

PQM

La Corte, visti gli artt. 375 e 380 bis c.p.c..

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e decidendo nel merito accoglie il ricorso introduttivo della parte contribuente.

Compensa le spese del giudizio di merito ponendo quelle del giudizio di legittimità a carico dell’Agenzia delle entrate e liquidandole in favore delle parti ricorrenti in Euro 1800,00 per compensi, Euro 100,00 per esborsi, oltre spese generali nella misura del 15% dei compensi, oltre accessori come per legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della sesta sezione civile, il 7 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 25 gennaio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA