Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19605 del 26/09/2011

Cassazione civile sez. I, 26/09/2011, (ud. 04/07/2011, dep. 26/09/2011), n.19605

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PROTO Vincenzo – Presidente –

Dott. RORDORF Renato – Consigliere –

Dott. DI PALMA Salvatore – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. BISOGNI Giacinto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.C.M., rappresentato e difeso dall’avvocato Calabrò

Salvatore, elett.te dom.to presso lo studio dell’avv.to Sebastiano

Pennisi in Roma, Circonvallazione Clodia 82, per procura a margine

del ricorso per cassazione;

– ricorrente –

contro

S.C.R., domiciliata presso la Cancelleria della Corte

di Cassazione, rappresentata e difesa dall’avvocato COCO Maria Pia,

per procura speciale a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 504/09 della Corte di appello di Catania,

emessa il 2 aprile 2009, depositata il 24 aprile 2009, R.G. n.

1933/06;

udita la relazione della causa svolta all’udienza del 4 luglio 2011

dal Consigliere Dott. Giacinto Bisogni;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

LETTIERI Nicola che ha concluso per l’inammissibilità ricorso.

Fatto

RILEVATO IN FATTO

che :

1. C.C.M. propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte di appello di Catania che lo ha condannato alla corresponsione in favore di S.C.R. di un assegno divorzile mensile pari a 400,00 Euro.

2. Con l’unico motivo di ricorso C.C.M. denuncia la insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia. Il ricorrente deduce che la Corte di appello non ha adeguatamente valutato le circostanze per cui la S.C. dispone di ingenti mezzi finanziari che le consentono di mantenere e migliorare il tenore di vita goduto nel corso del matrimonio mentre egli subisce anno per anno una cospicua riduzione del reddito a causa delle sue gravi condizioni di salute.

3. La controricorrente eccepisce la inammissibilità del ricorso perchè proposto oltre il termine previsto dall’art. 325 c.p.c. e perchè sfornito della sintesi, contenente la chiara indicazione del fatto controverso e delle ragioni per cui si ritiene insufficiente e contraddittoria la motivazione relativa a tale fatto, richiesta a pena di inammissibilità dall’art. 366 bis c.p.c. La controricorrente eccepisce inoltre la mancata indicazione, prescritta dall’art. 366 c.p.c. degli atti e documenti su cui si fonda il ricorso.

4. Il ricorrente deposita memoria difensiva;

5. La Corte riunita in camera di consiglio ha deliberato di adottare una motivazione semplificata.

Diritto

RITENUTO IN DIRITTO

che:

1. L’eccezione di inammissibilità ex art. 366 bis c.p.c. è fondata.

La mancata formulazione di una sintesi del motivo di ricorso con l’indicazione del fatto controverso su cui la motivazione si paleserebbe come contraddittoria e delle ragioni per cui l’insufficienza della motivazione la renderebbe inidonea a giustificare la decisione inficia il ricorso rendendolo inammissibile.

2. Peraltro la mancata formulazione di tale sintesi prescritta dall’art. 366 bis c.p.c. appare conseguente al contenuto della parte illustrativa del ricorso che prospetta una diversa valutazione soggettiva dei fatti risolvendosi in una inammissibile richiesta di riedizione del giudizio di merito. Vi è comunque da rilevare come la motivazione della Corte di appello di Catania sia esauriente nel mettere in evidenza la sperequazione esistente fra i redditi e i patrimoni dei due ex coniugi.

3. Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile con conseguente condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali del giudizio di cassazione liquidate in 2.000,00 Euro, di cui 200,00 per spese.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 4 luglio 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA