Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19600 del 09/07/2021

Cassazione civile sez. VI, 09/07/2021, (ud. 02/03/2021, dep. 09/07/2021), n.19600

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 7521-2019 proposto da:

CURATELA FALLIMENTARE (OMISSIS) SRL, in persona del Curatore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la

CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e difesa

dall’avvocato ALBERTO PAONE;

– ricorrente –

contro

THEMA BOWLING SRL, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato ARTURO MASSIGNANI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1595/2018 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 06/09/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 02/03/2021 dal Consigliere Relatore Dott. MASSIMO

FALABELLA.

La Corte.

 

Fatto

OSSERVA

1. – Con sentenza pubblicata il 6 settembre 2018 la Corte di appello di L’Aquila dichiarava l’inammissibilità del gravame avanti ad essa proposto in ragione della nullità della procura ad litem: accertava, infatti, che il nome del legale rappresentante della società appellante, (OMISSIS) s.r.l., non era leggibile e che detta indicazione non era contenuta all’interno della procura, e nemmeno nel corpo dell’atto di citazione.

2. – Il ricorso per cassazione di (OMISSIS) avverso detta sentenza si fonda su due motivi; resiste con controricorso l’appellata risultata vittoriosa in sede di gravame, Thema Bowling s.r.l.

3. – Il primo motivo oppone la violazione e falsa applicazione degli artt. 83 e 156 c.p.c.. Lamenta la ricorrente che in più punti, nell’atto di appello, sarebbe stato menzionato, col suo nominativo, il legale rappresentante della società (OMISSIS) e che, inoltre, la Corte di merito avrebbe totalmente disatteso l’esame della documentazione prodotta in giudizio. Inoltre, a suo avviso, la certificazione della sottoscrizione del conferente la procura integrerebbe “un’attestazione inequivoca, ancorché indiretta, tanto della sussistenza dell’effettività del mandato, quanto dell’autenticità della sottoscrizione, vale a dire della sua provenienza dal soggetto (identificato o comunque conosciuto) che si dichiara conferente”.

Col secondo mezzo viene denunciata la violazione e falsa applicazione degli artt. 156,182 e 183 c.p.c.. Deduce la ricorrente che la Corte di appello avrebbe omesso di applicare l’art. 182 c.p.c., comma 2 e osserva che detta disposizione, secondo cui il giudice, quando rileva un difetto di rappresentanza, di assistenza e di autorizzazione assegna alle parti un termine perentorio per la regolarizzazione, si applicherebbe anche al giudizio di appello.

4. – Reputa il Collegio che, con specifico riguardo al secondo motivo, non si ravvisi quella evidenza decisoria che consente la definizione del ricorso presso la sezione filtro: onde la causa va rimessa alla prima sezione per la trattazione in pubblica udienza.

P.Q.M.

La Corte:

rimette la causa alla pubblica udienza della sezione prima.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 6a Sezione Civile, il 2 marzo 2021.

Depositato in Cancelleria il 9 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA