Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19599 del 26/09/2011

Cassazione civile sez. I, 26/09/2011, (ud. 22/06/2011, dep. 26/09/2011), n.19599

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUCCIOLI Maria Gabriella – Presidente –

Dott. FORTE Fabrizio – Consigliere –

Dott. PICCININNI Carlo – Consigliere –

Dott. BERNABAI Renato – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

C.F. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato

in ROMA, PIAZZA EUCLIDE 47 (PIANO 2 INT.4), presso l’avvocato LA

PORTA CARLO F., che lo rappresenta e difende, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

R.F.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 1818/2006 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 20/11/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/06/2011 dal Consigliere Dott. MARIA ROSARIA CULTRERA;

si da atto che non vi è la cartolina di ricevimento del ricorso

notificato;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato LA PORTA che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO Immacolata che ha concluso per l’inammissibilità, nel merito

rigetto del ricorso.

Fatto

IN FATTO E IN DIRITTO

La Corte d’appello di Torino, con sentenza n. 1818 depositata il 20 novembre 2006, in riforma della precedente decisione del Tribunale di Aosta che, pronunciando la cessazione degli effetti civili del matrimonio contratto il (OMISSIS) tra C.F. e R. F., aveva respinto la domanda di quest’ultima tesa ad ottenere il contributo di mantenimento, ha invece stabilito la corresponsione a suo favore dell’assegno divorzile nell’importo mensile di Euro 280,00.

Avverso la, statuizione C.F. ricorre per cassazione sulla base di due mezzi. L’intimata non ha spiegato attività difensiva. Il P.G. ha rassegnato le sue conclusioni chiedendo dichiararsi l’inammissibilità del ricorso. Il collegio ha disposto farsi luogo a motivazione semplificata.

Imponendosi in linea preliminare la verifica sulla regolarità della notifica del ricorso per cassazione, occorre rilevare che, eseguita a mezzo servizio postale a mente dell’art. 149 c.p.c., essa non risulta perfezionata non essendo stato prodotto dal ricorrente, che ne era onerato, l’avviso di ricevimento del plico, che risulta spedito dall’Ufficiale giudiziario il 24 maggio 2007. Per consolidato condiviso orientamento, la notifica eseguita secondo siffatta modalità non si esaurisce con la spedizione dell’atto, ma si perfeziona con la consegna del relativo plico al destinatario e l’avviso di ricevimento prescritto dall’art. 149 c.p.c., che costituisce il solo documento idoneo a provare sia l’intervenuta consegna, sia la data di essa, sia l’identità della persona a mani della quale è avvenuta, sì che la sua omessa produzione determina l’inesistenza della notificazione, e, per inevitabile corollario, l’inammissibilità del ricorso medesimo (Cass. 16184/2009).

Tutto ciò premesso, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile senza farsi luogo alla pronuncia sulle spese del presente giudizio stante l’assenza d’attività difensiva dell’intimata.

P.Q.M.

La Corte:

dichiara inammissibile il ricorso.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 22 giugno 2011.

Depositato in Cancelleria il 26 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA