Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19472 del 20/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 6 Num. 19472 Anno 2018
Presidente: MANNA FELICE
Relatore: D’ASCOLA PASQUALE

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 21628-2015 proposto da:
PACIOTTI ANTONIO, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA
UGO DE CAROLIS 101, presso lo studio dell’avvocato
FRANCESCO PETTINARI, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente contro
TALETTI GIOVANNI, PACIOTTI GIUSEPPE;

– intimati avverso la sentenza n. 4126/2014 della CORTE D’APPELLO di
ROMA, depositata il 19/06/2014;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non
partecipata del 20/02/2018 dal Consigliere Dott. PASQUALE
D’ASCOLA.

Data pubblicazione: 20/07/2018

Fatti di causa e ragioni della decisione

1) Con sentenza n. 860/2006, il Tribunale di Roma, Sezione distaccata di Tivoli,
rigettava la domanda esperita da Giovanni Talletti di usucapione della cantina oggetto
della controversia nei confronti di Antonio e Giuseppe Paciotti, nonché di Pietro e
Fiorella Latini. Riteneva che dagli atti di causa emergeva che il sig. Talletti fruiva della
cantina in quanto concessa in locazione alla madre, Natalina Bufalieri, dietro

comproprietarie dell’immobile, almeno sino al 1990.
2) Su gravame di Giovanni Talletti, la Corte di appello di Roma, con sentenza n.
4126/2014, pubblicata il 19 giugno 2014, accoglieva l’impugnazione e dichiarava il
medesimo proprietario esclusivo, per intervenuta usucapione ventennale, della
cantina, sulla base di una diversa valutazione del materiale istruttorio.
3) Per la cassazione della sentenza Antonio Paciotti ha proposto ricorso per
cassazione, affidato ad un unico mezzo.
L’intimato non ha svolto attività difensiva.
4) Avviata la trattazione con il rito previsto per il procedimento in camera di
consiglio, il consigliere relatore ha proposto la declaratoria di inammissibilità del
ricorso, in quanto proposto tardivamente.
5) il Collegio, rilevato che non sussiste l’evidenza decisoria in relazione alla
tardività prospettata nella proposta, dispone il rinvio alla pubblica udienza presso la
seconda Sezione.
PQM

Dispone rinvio alla pubblica udienza presso la Seconda Sezione.

pagamento di un canone, percepito da Annunziata Sperandio e Rosa Paciotti,

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA