Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19463 del 08/07/2021

Cassazione civile sez. VI, 08/07/2021, (ud. 08/04/2021, dep. 08/07/2021), n.19463

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BISOGNI Giacinto – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. CAIAZZO Rosario – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 17191-3120 proposto da:

A.D.L. elettivamente domiciliata presso la cancelleria della

CORTE DI CASSAZIONE, PIAZZA CAVOUR, ROMA, rappresentata e difesa

dall’Avvocato CORIO GRAZIA MARIA;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO, in persona del Ministro pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VI:/ Dl’,I PORTOGHESI 12, presso

AVVOCATI-RA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende, ope

legis;

– resistente –

avverso il decreto n. 880/2020 del TRIBUNALE di CAMPOBASSO,

depositato il 13/()5/9070;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’8/4/2021 dal Consigliere Relatore Dott. LAMORGESE

ANTONIO PIETRO.

 

Fatto

RILEVATO

che A.D.L.B., cittadina della Costa D’Avorio, propone ricorso per cassazione avverso il decreto del Tribunale di Campobasso del 13 maggio 2020 che ha rigettato la sua domanda di riconoscimento della protezione internazionale e umanitaria. I.a richiedente aveva riferito di avere lasciato il suo paese perché osteggiata in famiglia a causa della sua condizione di omosessuale, di rischiare di essere denunciata e di andare incontro alle conseguenze anche penali previste dalla legge di quel paese;

che il secondo motivo, concernente la ritenuta non credibilità della narrazione, è fondato: il tribunale si è limitato a riferire che “il racconto … è poco credibile essendo stata molto generica nel riferire la sua scelta di avere una compagna e di come si è determinata a tale cambiamento” e “che anche il rapporto con la compagna è privo di riferimenti concreti e individualizzanti”; si tratta di una motivazione apparente e, in effetti, al di sotto del minimo costituzionale evocato dal novellato art. 360 c.p.c., n. 5, risultando poco comprensibile il senso delle predette affermazioni, al punto di risolversi in falsa applicazione dei parametri normativi pertinenti, non essendo possibile valutare se siano stati rispettati i criteri indicati dal D.Lgs. n. 251 del 2007, art. 3, comma 5 (e 3, lett. c), ai fini della valutazione della credibilità delle dichiarazioni del richiedente; inoltre il decreto fa erroneo riferimento a fonti informative sulle condizioni di sicurezza del Bangladesh, mentre la richiedente è cittadina della Costa D’Avorio;

che, in accoglimento del suddetto motivo, assorbiti gli altri, il decreto impugnato è cassato con rinvio al tribunale per un nuovo esame e per le spese.

P.Q.M.

Li Corte, in accoglimento del secondo motivo, assorbiti gli altri, cassa il decreto impugnato e rinvia al Tribunale di Campobasso, in diversa composizione, anche per le spese.

Così deciso in Roma, il 8 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA