Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19463 del 03/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 03/08/2017, (ud. 06/06/2017, dep.03/08/2017),  n. 19463

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. ESPOSITO Lucia – Consigliere –

Dott. FERNANDES Giulio – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19345/2015 proposto da:

INAIL – ISTITUTO NAZIONALE PER L’ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI

SUL LAVORO – C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore della

Direzione Centrale Prestazioni, elettivamente domiciliato in ROMA,

VIA IV NOVEMBRE 144, presso lo studio dell’avvocato LUCIANA ROMEO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato LUCIA PUGLISI;

– ricorrente –

contro

C.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato

PIER LUIGI CAPPELLO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 224/2015 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 26/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 07/03/2017 dal Consigliere Dott. GIULIO FERNANDES.

Fatto

RILEVATO

che, con sentenza del 26 febbraio 2015, Corte di appello di Palermo in parziale riforma della decisione del Tribunale di Agrigento, riconosceva a C.S. l’indennizzo in capitale in misura pari all’8% di invalidità permanente derivata a seguito dell’infortunio verificatosi il (OMISSIS) precisando (in motivazione) come nel calcolo del predetto 8% di invalidità permanente erano compresi anche i postumi di un precedente infortunio del 2006 (rectius, 2004);

che per la cassazione di tale decisione propone ricorso l’INAIL affidato a due motivi cui resiste con controricorso il C.;

che è stata depositata la proposta del relatore ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., ritualmente comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio;

che l’istituto ha depositato memoria ex art. 380 bis c.p.c., in cui si insiste per l’accoglimento del ricorso dissentendosi dalla proposta del relatore;

che il Collegio ha deliberato di adottare la motivazione semplificata.

Diritto

CONSIDERATO

che con il primo motivo di ricorso si deduce violazione e falsa applicazione del T.U. n. 1124 del 1965, art. 80 (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3) avendo la Corte di Appello: recepito le errate conclusioni della consulenza tecnica nuovamente disposta in secondo grado che era giunta a determinare un complessivo danno biologico pari all’8% (percentuale ottenuta dal 3% del danno riportato nell’infortunio del (OMISSIS) e dalla considerazione dell’aggravamento dei postumi del precedente infortunio del 2004 – dal 4% al 6% – riconosciuto dall’istituto in sede di revisione nel 2012) laddove non avrebbe dovuto tener conto del suddetto aggravamento perchè dedotto per la prima volta in appello dal C. il quale, nel ricorso introduttivo del giudizio, aveva chiesto la valutazione di una maggiore percentuale di danno esclusivamente per l’infortunio del (OMISSIS); errato nella determinazione della decorrenza del danno complessivo dell’8% condannando l’INAIL a corrispondere l’indennizzo in capitale “con decorrenza ed interessi legali come per legge” senza altro specificare;

che con il secondo motivo viene denunciato omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio (in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5) per avere la Corte di merito determinato il danno biologico nella misura complessiva dell’8% senza una spiegazione sufficiente e sulla scorta del mero richiamo alle conclusioni della nuova consulenza tecnica espletata;

che il primo motivo è infondato in quanto: nella decisione della Corte di merito non si individua alcuna violazione del T.U. n. 1124 del 1965, art. 80, essendosi proceduto ad una valutazione unitaria dei postumi residuati dalle lesioni del primo infortunio con quelli derivati dal nuovo e le argomentazioni articolate nel motivo più che funzionali alla dedotta censura sembrano evocare la violazione del principio del “chiesto e pronunciato” che, però, non risulta essere stata nè espressamente nè correttamente denunciata (Cass. n. 19124 del 28/09/2015; Cass. n. 17931 del 24/07/2013); la Corte di Appello, nell’individuare la decorrenza dell’indennizzo e degli interessi legali “come per legge” evidentemente ha inteso riferirsi al momento in cui è stata raggiunta la percentuale dell’8%, ovvero dalla visita di revisione con la quale era stato riscontrato l’aggravamento (dal 4% al 6% nel febbraio 2012, circostanza questa menzionata nella consulenza tecnica richiamata in motivazione) dei postumi residuati dal primo infortunio; che il secondo motivo è inammissibile in quanto prospetta il vizio di motivazione insufficiente non più ammissibile ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, così come novellato dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, comma 1, lett. b), conv. con modifiche in L. 7 agosto 2012, n. 134, nella interpretazione fornitane dalle Sezioni Unite di questa Corte (SU n. 8053 del 7 aprile 2014);

che, pertanto, il ricorso va rigettato;

che le spese seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo con attribuzione all’avv. Pier Luigi Cappello per dichiarato anticipo fattone;

che sussistono i presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, previsto dal D.P.R. 30 maggio, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (legge di stabilità 2013) trovando tale disposizione applicazione ai procedimenti iniziati in data successiva al 30 gennaio 2013, quale quello in esame (Cass. n. 22035 del 17/10/2014; Cass. n. 10306 del 13 maggio 2014 e numerose successive conformi).

PQM

 

La Corte, rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alle spese del presente giudizio, liquidate in Euro 200,00 per esborsi, Euro 2.500,00 per compensi professionali, oltre rimborso spese forfetario nella misura del 15%, con attribuzione.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 6 giugno 2017.

Depositato in Cancelleria il 3 agosto 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA