Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19448 del 08/07/2021

Cassazione civile sez. VI, 08/07/2021, (ud. 20/04/2021, dep. 08/07/2021), n.19448

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Presidente –

Dott. PARISE Clotilde – Consigliere –

Dott. MERCOLINO Guido – Consigliere –

Dott. TERRUSI Francesco – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 13914-2019 proposto da:

P.M., titolare dell’omonima ditta individuale, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA COLA DI RIENZO 297, presso lo studio

dell’avvocato MARCO FRANCO, rappresentato e difeso dall’avvocato

DOMENICO MAGISTRO;

– ricorrente –

contro

CURATELA DEL FALLIMENTO (OMISSIS) ARL, in persona del Curatore

Fallimentare, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentata e

difesa dall’avvocato FRANCESCO AURELIO CHILLEMI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 486/2017 del TRIBUNALE di BARCELLONA POZZO DI

GOTTO, depositata il 15/06/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/04/2021 dal Consigliere Relatore Dott. FRANCESCO

TERRUSI.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la corte d’appello di Messina dichiarava inammissibile, ai sensi degli artt. 348-bis e 348-ter c.p.c., l’appello proposto da P.M. avverso la sentenza con la quale il tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto aveva dichiarato inefficace, ex art. 67 L. Fall., comma 2, il pagamento dell’importo di 34.250,00 eseguito in suo favore dalla società P.P., nell’anno anteriore al fallimento dichiarato con sentenza del 18-6-2004;

il soccombente ha quindi proposto ricorso per cassazione contro la sentenza di primo grado deducendo la violazione o falsa applicazione dell’art. 67 L. Fall., per avere il tribunale formato il proprio convincimento a titolo presuntivo sulla semplice esistenza di protesti a carico della società, a fronte del principio che pone invece al Fallimento l’onere di provare la conoscenza effettiva dello stato di insolvenza in capo all’accipiens;

la curatela ha replicato con controricorso e successiva memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il ricorso è inammissibile ai sensi dell’art. 360-bis c.p.c.;

nella revocatoria fallimentare ex art. 67 L. Fall., comma 2, il presupposto soggettivo è costituito dalla conoscenza effettiva dello stato d’insolvenza (e non dalla semplice conoscìbilità), ma la dimostrazione di detta conoscenza, costituendo la condizione psicologica di un soggetto, non può che avvenire indirettamente (salvo situazioni confessorie) tramite eventi e condotte che, in base a un criterio di normalità assunto a parametro di valutazione, consentono la prova presuntiva della conoscenza personale di eventi giustappunto sintomatici d’insolvenza;

in questa prospettiva è certamente fondata la presunzione di conoscenza dello stato d’insolvenza in presenza di protesti (v. Cass. n. 4277-98, Cass. n. 13048-99, Cass. n. 2067-00, Cass. n. 10209-09, Cass. n. 391-10), soprattutto allorché, come nella specie accertato dal tribunale, si tratti di protesti di cambiali rilasciate dalla fallita proprio al soggetto che risulti poi percettore del relativo pagamento;

le spese seguono la soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente alle spese processuali, che liquida in 4.600,00 EUR, di cui 100,00 EUR per esborsi, oltre accessori e rimborso forfetario di spese generali nella percentuale di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello relativo al ricorso, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 20 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA