Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19420 del 20/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 19420 Anno 2018
Presidente: ZOSO LIANA MARIA TERESA
Relatore: MONDINI ANTONIO

ORDINANZA

sul ricorso 17746-2011 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende;
– ricorrente contro

GALLETTI SERGIO;
– intimato –

2018
2275

avverso la sentenza n. 50/2010 della COMM.TRIB.REG. di
BOLOGNA, depositata il 18/05/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del 21/06/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO
MONDINI.

Data pubblicazione: 20/07/2018

Premesso che,
1. l’Agenzia delle Entrate ha presentato ricorso per la cassazione della
sentenza della commissione tributaria regionale dell’Emilia-Romagna, in data
18 maggio 2010, confermativa la decisione di primo grado con la quale era
stata annullata la cartella di pagamento a mezzo della quale essa Agenzia
aveva chiesto a Sergio Galletti di pagare la somma di € 4.547,98, oltre

l’anno 2000, dallo stesso utilizzato in compensazione del debito risultante dalla
dichiarazione per l’anno 2001, e che -secondo l’Agenzia ma non secondo i
giudici- avrebbe potuto essere oggetto di rimborso ma non poteva essere
portato in compensazione in quanto non indicato nella dichiarazione per l’anno
2000;
2. il ricorrente non si è costituito;
3. la Corte ha rilevato che non vi è prova della avveruta notifica del ricorso;
4. ai sensi dell’art. 369 c.p.c., il ricorso deve pertanto essere dichiarato
improcedibile;
pqm
la Corte dichiara il ricorso improcedibile.
Così deciso in Roma, nella camera di Consiglio del 21 giugno 2018.

interessi e sanzioni, pari al credito d’imposta vantato dal contribuente per

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA