Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19316 del 07/07/2021

Cassazione civile sez. lav., 07/07/2021, (ud. 03/02/2021, dep. 07/07/2021), n.19316

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. D’ANTONIO Enrica – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 26723/2015 proposto da:

P.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA LUIGI

SETTEMBRINI, 28, presso lo studio dell’avvocato ULPIANO MORCAVALLO,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato DOMENICO

PITINGOLO;

– ricorrente –

contro

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona

del suo Presidente e legale rappresentante pro tempore, in proprio e

quale mandatario della S.C.C.I. S.P.A. – Società di

Cartolarizzazione dei Crediti I.N.P.S., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura Centrale

dell’Istituto, rappresentati e difesi dagli avvocati ANTONINO SGROI,

ESTER ADA SCIPLINO, LELIO MARITATO, CARLA D’ALOISIO;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 349/2015 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 04/05/2015 R.G.N. 1974/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

03/02/2021 dal Consigliere Dott. LUIGI CAVALLARO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

VISONA’ Stefano, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l’Avvocato ENZO GIARDIELLO, per delega verbale Avvocato ULPIANO

MORCAVALLO;

udito l’Avvocato CARLA D’ALOISIO.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza depositata il 4.5.2015, la Corte d’appello di Catanzaro, in parziale riforma della pronuncia di primo grado e in accoglimento dell’appello incidentale dell’INPS, ha rigettato l’opposizione proposta da P.A. avverso la cartella esattoriale con cui gli era stato intimato il pagamento di contributi omessi per effetto di conguagli non spettanti a titolo di indennità di malattia, assegni familiari e sgravi ex L. n. 407 del 1990, tutti accertati a seguito di verbale ispettivo.

La Corte, in particolare, ha ritenuto che il datore di lavoro fosse legittimato passivo rispetto alla richiesta dell’Istituto di restituire le somme anticipate ai propri dipendenti a titolo di prestazioni previdenziali temporanee di cui successivamente fosse stata accertata la non debenza, ancorchè per motivi non valutabili dal datore di lavoro medesimo; sotto altro profilo, ha ritenuto che gravasse sul datore di lavoro la prova del diritto agli sgravi e che detta prova, nella specie, non fosse stata raggiunta, anche in considerazione dell’inammissibilità della documentazione prodotta in appello dalla parte datoriale, siccome tardiva.

Per la cassazione di tali statuizioni P.A. ha proposto ricorso, deducendo sei motivi di censura, successivamente illustrati con memoria. L’INPS ha resistito con controricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo di censura, il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione del D.L. n. 663 del 1979, art. 1 (conv. con L. n. 33 del 1980), e D.P.R. 30 maggio 1955, artt. 37 e 43, in relazione al D.L. n. 69 del 1988, art. 2 (conv. con L. n. 153 del 1988), per avere la Corte di merito ritenuto che il datore di lavoro fosse legittimato passivo rispetto alla pretesa recuperatoria dell’INPS di somme anticipate in favore di lavoratori a titolo di indennità di malattia e assegni al nucleo familiare successivamente risultati non dovuti in relazione a circostanze non sindacabili nè accertabili dal datore di lavoro medesimo.

Con il secondo motivo, il ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione del cit. D.L. n. 663 del 1979, art. 1, per avere la Corte territoriale ritenuto che la legittimazione passiva del datore di lavoro di cui al primo motivo dovesse altresì affermarsi allorchè oggetto della pretesa recuperatoria dell’ente previdenziale fosse l’indennità di malattia erogata nel corso del rapporto di lavoro (e fino alla sua cessazione per superamento da parte del lavoratore del periodo di comporto) e successivamente risultata non dovuta per mancata presentazione dei certificati medici da parte del lavoratore che l’aveva percepita.

Con il terzo motivo, il ricorrente si duole di violazione e falsa applicazione della L. n. 407 del 1990, art. 8, comma 9, nonchè di nullità della sentenza e del procedimento, per avere la Corte di merito ritenuto la fondatezza della pretesa restitutoria dell’INPS di sgravi precedentemente conguagliati pur a fronte di un contrasto tra la certificazione del Centro per l’impiego, che attestava lo stato di disoccupazione del lavoratore in relazione erano stati conguagliati gli sgravi, e l’accertamento condotto dall’INPS in ordine ai redditi da costui percepiti nel periodo di disoccupazione, senza peraltro dare ingresso in sede di gravame all’anzidetta certificazione.

Con il quarto motivo, il ricorrente deduce violazione e falsa applicazione della L. n. 407 del 1990, art. 8, comma 9 e degli artt. 2697 e 2033 c.c., per avere la Corte territoriale escluso la valenza probatoria della certificazione del Centro per l’impiego attestante lo stato di disoccupazione del lavoratore per il quale erano stati conguagliati gli sgravi e aver ritenuto che l’onere della prova di fatti impeditivi del diritto agli sgravi (come, nella specie, lo stato di disoccupazione) incombesse sul datore di lavoro.

Con il quinto motivo, il ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione del D.L. n. 463 del 1983, art. 5 (conv. con L. n. 638 del 1983), per averne la Corte di merito escluso la derogabilità per volontà delle parti e aver conseguentemente ritenuto che l’anticipazione dell’indennità di malattia in favore del lavoratore C.P. fosse avvenuta oltre lo spirare del termine apposto al contratto di lavoro, nonostante che, nella specie, quest’ultimo fosse stato protratto fino al momento in cui il lavoratore aveva documentato il proprio stato di malattia.

Con il sesto motivo, il ricorrente lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 2697 c.c., in relazione al D.L. n. 244 del 1995, art. 29 (conv. con L. n. 341 del 1995), per avere la Corte territoriale ritenuto che, ai fini della conservazione del diritto agli sgravi contributivi, gravasse sul datore di lavoro l’onere di provare le circostanze che avevano dato luogo alla sospensione dell’obbligo retributivo nei confronti dei lavoratori risultati assenti per sospensione concordata della prestazione e/o assenze ingiustificate.

Ciò premesso, i primi due motivi possono essere esaminati congiuntamente, in considerazione dell’intima connessione delle censure rivolte alla sentenza impugnata, e sono infondati.

Deve anzitutto escludersi la sussistenza di un orientamento consolidato di questa Corte secondo cui la pretesa dell’ente previdenziale avente ad oggetto la restituzione di somme indebitamente conguagliate dal datore di lavoro a seguito dell’anticipazione di prestazioni previdenziali in favore di un lavoratore e successivamente risultate non dovute dovrebbe avere come soggetto passivo l’accipiens indebiti, ossia il lavoratore stesso: tutte le pronunce ricordate a pag. 9 del ricorso per cassazione (e cioè Cass. nn. 5185 del 1996, 16140 del 2002, 12464 del 2003 e 23765 del 2014) hanno bensì affermato che l’unico soggetto legittimato a richiedere la restituzione delle somme anticipate dal datore di lavoro a titolo di indennità di malattia è l’ente previdenziale, ma non anche che l’unico soggetto passivo di una tale richiesta sia il lavoratore che abbia indebitamente percepito la relativa prestazione; nè avrebbero potuto altrimenti, giacchè il D.L. n. 663 del 1979, art. 1 (conv. con L. n. 33 del 1980), prevede, al comma 3, che le indennità di malattia e di maternità che siano state “indebitamente erogate al lavoratore e poste a conguaglio, sono recuperate dal datore di lavoro sulle somme dovute a qualsiasi titolo in dipendenza del rapporto di lavoro e restituite all’Istituto nazionale della previdenza sociale”, e al comma 4 che “qualora il datore di lavoro non possa recuperare le somme stesse, è tenuto a darne comunicazione all’Istituto, che provvederà direttamente al relativo recupero”.

Ciò vale quanto dire che il presupposto affinchè l’ente previdenziale debba rivolgersi al lavoratore per recuperare le somme indebitamente anticipategli dal datore di lavoro a titolo di indennità per malattia o maternità successivamente risultate non dovute e già oggetto di conguaglio è che il datore di lavoro stesso abbia comunicato all’INPS di non poter provvedere al recupero; e, di riflesso, che – salvo appunto il caso in cui siffatta comunicazione abbia tempestivamente avuto luogo – legittimato passivo dell’azione di recupero è proprio il datore di lavoro, il quale, come dispone il cit. D.L. n. 663 del 1979, art. 1, comma 3, ben potrà rivalersi nei confronti del lavoratore “sulle somme dovute a qualsiasi titolo in dipendenza del rapporto di lavoro”.

Anche le censure di cui al terzo e al quarto motivo si prestano ad essere esaminate congiuntamente e sono in parte inammissibili, in parte infondate.

Più precisamente, sono inammissibili nella parte in cui dissimulano dietro l’invocazione della violazione di legge una critica del giudizio di fatto compiuto dai giudici territoriali circa l’insussistenza del requisito della disoccupazione dei lavoratori D.F. e L.P., in relazione ai quali erano stati indebitamente conguagliati sgravi ex L. n. 407 del 1990, ed altresì nella parte in cui denunciano di nullità la sentenza e il procedimento in relazione alla mancata ammissione della nota del Centro per l’impiego che tale condizione avrebbe attestato, atteso che il contenuto della nota cit. non risulta trascritto nel ricorso, nemmeno nella parte necessaria a dare alla censura un non opinabile fondamento fattuale in ordine alla decisività delle sue risultanze, nè si dice in quale luogo del fascicolo processuale e/o di parte essa in atto si troverebbe.

Sono invece infondati nella parte in cui lamentano la violazione delle regole di riparto dell’onere della prova, dal momento che, diversamente da quanto sostenuto in ricorso, l’ente previdenziale che agisca per conseguire la differenza tra la contribuzione dovuta in misura piena e quella versata dal datore di lavoro che ritenga di aver diritto al beneficio degli sgravi non esercita alcuna pretesa “restitutoria e sanzionatoria”, ma la normale azione per l’adempimento della contribuzione dovuta, a fronte della quale è onere del datore di lavoro provare i presupposti del fatto modificativo in ipotesi costituito dallo sgravio contributivo (così, da ult., Cass. n. 1157 del 2018).

E’ inoltre infondato il quinto motivo: è sufficiente, al riguardo, ricordare che il D.L. n. 463 del 1983, art. 5, comma 2 (conv. con L. n. 638 del 1983), prevede che “non possono essere corrisposti trattamenti economici e indennità economiche per malattia per periodi successivi alla cessazione del rapporto di lavoro a tempo determinato”, quale nel caso in esame era il contratto stipulato dall’odierno ricorrente con il lavoratore C.P., e che non è consentito alle parti private di derogare attraverso proprie pattuizioni alla cogenza di disposizioni che, come l’art. 5 cit., lungi dal concernere il rapporto di lavoro, incidono piuttosto sul rapporto previdenziale, essendo quest’ultimo, così come il rapporto contributivo, retto da norme inderogabili di legge volte alla salvaguardia dell’integrità del bilancio pubblico.

Del pari infondato, infine, è il sesto motivo: è infatti ormai consolidato nella giurisprudenza di questa Corte il principio secondo cui, in tema di minimale contributivo previsto, nel settore edile, dal D.L. n. 244 del 1995, art. 29 (conv. con L. n. 341 del 1995), la sospensione dell’attività che sia stata concordata tra datore di lavoro e lavoratore non fa venir meno l’obbligo del pagamento della contribuzione dovuta, salvo che si tratti di ipotesi di sospensione debitamente comunicate all’INPS in via preventiva ed oggettivamente accertabile (così, tra le più recenti, Cass. nn. 11337 del 2018, 16859 del 2020).

Il ricorso, pertanto, va rigettato, provvedendosi come da dispositivo sulle spese del giudizio di legittimità, che seguono la soccombenza.

Tenuto conto del rigetto del ricorso, sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, previsto per il ricorso.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, che si liquidano in Euro 6.200,00, di cui Euro 6.000,00 per compensi, oltre spese generali in misura pari al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 3 febbraio 2021.

Depositato in Cancelleria il 7 luglio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA