Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19315 del 22/09/2011

Cassazione civile sez. trib., 22/09/2011, (ud. 10/05/2011, dep. 22/09/2011), n.19315

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. ADAMO Mario – Presidente –

Dott. FERRARA Ettore – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. SAMBITO Maria Giovanna Concetta – rel. Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 7013-2006 proposto da:

GEST LINE S.P.A. COMMISSARIO GOVERNATIVO SERVIZIO RISCOSSIONE TRIBUTI

PER LE PROVINCE DI NAPOLI E CASERTA in persona del Direttore pro

tempore della sede di Caserta, elettivamente domiciliato in ROMA

PIAZZA CAVOUR, presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dall’avvocato IMONDI AUGUSTO con studio in

CASERTA VIA TURATI 55, (avviso postale), giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

MACELLERIA VENEZIA DI PAGLIUCA FRANCESCO & C. SAS;

– intimato –

sul ricorso 8305-2006 proposto da:

MACELLERIA VENEZIA DI PAGLIUCA FRANCESCO & C. SAS in persona

del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA

PIAZZA CAVOUR, presso la cancelleria della CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentato e difeso dagli avvocati D’ALEO DOMENICA, PAPA PASQUALE

con studio in MONDRAGONE VIA BENEVENTO 47, (avviso postale), giusta

delega a margine;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

contro

GEST LINE SPA in persona del Direttore pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR, presso la cancelleria della CORTE

DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato IMONDI AUGUSTO,

giusta delega a margine;

– controricorrente a ricorso incidentale –

avverso la sentenza n. 2039/2004 del GIUDICE DI PACE di CARINOLA,

depositata il 14/12/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

10/05/2011 dal Consigliere Dott. MARIA GIOVANNA CONCETTA SAMBITO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GAMBARDELLA Vincenzo, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso

principale, rigetto ricorso incidentale.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza depositata il 14.12.2004 il Giudice di Pace di Carinola, in accoglimento del ricorso proposto dalla S.a.s Macelleria Venezia di Pagliuca Francesco e C, nei confronti della Gest Line S.p.A., dichiarava che la ricorrente non era debitrice delle somme portate dalla cartella esattoriale, annullata in sede giurisdizionale, ed affermava la responsabilità della convenuta; per non aver revocato il provvedimento di fermo dell’autovettura, condannandola al risarcimento del danno liquidato, in via equitativa, nell’importo indicato in ricorso di Euro 900,00,oltre che al pagamento delle spese processuali.

Per la cassazione della sentenza, ricorrono, in via principale, la Società Gest Line ed, in via incidentale, l’intimata. La concessionaria ha depositato controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Il ricorso principale e quello incidentale, proposti avverso la stessa sentenza, vanno riuniti, ex art. 335 c.p.c.. L’eccezione d’inammissibilità del ricorso incidentale, che va ora esaminata, sollevata dalla Gest Line, per non esser l’Avv. Domenica D’Aleo iscritta nell’Albo speciale dei patrocinanti innanzi a questa Corte, è infondata, constando che l’atto è sottoscritto, pure, dall’Avv. Pasquale Papa, iscritto nel predetto Albo, che viene indicato, nella procura, come codifensore e che ha, pure, proceduto a certificare l’autenticità della sottoscrizione della parte, apposta nella procura speciale, rilasciata a margine dell’atto stesso.

Col primo motivo (indicato come punto 2), del ricorso principale, la ricorrente denuncia “insufficiente e contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia in relazione all’art. 113 c.p.c., comma 2 (art. 360 c.p.c., n. 5)” per avere la sentenza impugnata totalmente omesso di fare riferimento a norme di legge o a principi giuridici, determinando il danno in adesione acritica alla tesi dell’istante.

Col secondo motivo (indicato come punto 3.1), la ricorrente deduce violazione e falsa applicazione di norme di diritto in relazione all’artt. 132 c.p.c., art. 2043 c.c., D.M. n. 127 del 2004, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, affermando che l’impugnata sentenza ha errato nel ritenerla consapevole degli atti giudiziari con cui era stato annullato il credito d’imposta, quando nessun provvedimento di sospensione o di sgravio le era stato comunicato, sicchè il provvedimento di fermo sull’autovettura della contribuente costituiva un atto dovuto.

Con il terzo motivo (indicato come punto 3.2), la Gest Line deduce, sotto altro profilo, la violazione delle predette norme all’art. 132 c.p.c., art. 2043 c.c., D.M. n. 127 del 2004, in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, affermando che, a norma del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 86, il fermo si esegue mediante iscrizione nei registri mobiliari, di cui viene data comunicazione al soggetto contro il quale si procede. Nella specie, il fermo non era stato mai eseguito, con conseguente insussistenza del presupposto della sua riconosciuta responsabilità aquiliana, per carenza dell’elemento soggettivo della colpa, e per l’assenza di pregiudizi di sorta per la Società intimata.

Col quarto motivo (indicato come punto 3.3), la ricorrente afferma che, nella determinazione delle spese giudiziali, il Giudice di pace ha disatteso le norme di riferimento, superando i massimi di tariffa e liquidando spese non dovute.

Con il ricorso incidentale, la S.a.s Macelleria Venezia si duole che l’impugnata sentenza non abbia preso in esame e riconosciuto, ex art. 1226 c.c., il danno esistenziale, per il mancato utilizzo del veicolo, che chiede di valutare, con condanna al risarcimento del danno, ex art. 96 c.p.c..

Appare, anzitutto, opportuno rilevare che, come, più volte, affermato da questa Corte (cfr. Cass. n. 9393 del 2003, n. 21112 del 2005; n. 6382 del 2007; n. 10213 del 2008), le sentenze del giudice di pace emesse ex art. 113 cpv. c.p.c., quale quella in esame, sono ricorribili in cassazione, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 1, 2 e 4, per violazione delle norme processuali, e dunque, anche in caso di inesistenza della motivazione, nonchè, ai sensi del n. 5 della norma in esame, limitatamente alle ipotesi in cui la motivazione, pur formalmente esistente, debba considerarsi meramente apparente, per la concreta impossibilità di comprenderne la “ratio decidendi” (ad esempio a causa di radicale ed insanabile contraddittorietà di argomentazioni), mentre la censura di violazione della legge sostanziale, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 è consentita soltanto in caso di inosservanza o falsa applicazione della Costituzione, delle norme di diritto comunitario sovranazionali, nonchè, a seguito della sentenza della Corte costituzionale n. 206 del 2004, dei principi informatori della materia, i quali si pongono come un limite del potere discrezionale del giudice nella determinazione della regola equitativa del caso concreto. Ne consegue che il ricorso che denunci siffatto vizio deve indicare specificamente quale sia il principio violato e come la regola equitativa individuata dal giudice di pace si ponga in contrasto con esso (Cass. n. 284/2007; n. 26422/2008; n. 8644/2010).

A tale stregua, il primo motivo del ricorso principale è inammissibile. La censura formulata non denuncia, affatto, l’impossibilità di comprendere le ragioni della decisione, o l’esistenza di argomenti contrastanti, ma, afferma l’insufficienza della motivazione in relazione alla determinazione del “quantum” e la mancanza di riferimenti in diritto, denuncia, dunque, un tipico vizio motivazionale, che esula dal controllo relativo alle sentenze rese secondo equità, e la carenza di motivazione in diritto, critica quest’ultima che, non solo, non è pertinente, perchè la sentenza impugnata è stata emessa ex art. 113 cpv., ma che è, sempre, irrilevante, tenuto conto del disposto di cui all’art. 384 c.p.c., comma 2, secondo il quale questa Corte deve limitarsi a correggere la motivazione erronea, quando il dispositivo sia conforme a diritto.

Anche la violazione di legge, dedotta col secondo motivo, è inammissibile, perchè non individua il principio informatore che sarebbe stato, in tesi, violato, ma si limita, piuttosto, a denunciare l’errore del giudice di pace nella ricostruzione degli elementi di fatto – affermata conoscenza della concessionaria dell’esito, assolutorio per la contribuente, del giudizio tributario – la cui deduzione è, peraltro, preclusa in sede di legittimità, sotto il profilo della violazione di legge.

Il terzo motivo è, invece, fondato. L’impugnata sentenza, dopo aver dato conto che il provvedimento di fermo non è mai stato eseguito, essendo solo stata data comunicazione del preavviso, ha, ciononostante, ritenuto l’odierna ricorrente responsabile per non aver revocato detto provvedimento (la permanenza dei cui effetti “è stata fatta ritenere valida sino al deposito della comparsa di risposta”), e la ha condannata al risarcimento del danno, così violando i principi informatori della responsabilità aquiliana, che ricollegano il risarcimento alla necessaria sussistenza di un danno inferto a causa di un comportamento antigiuridico. Nella specie, l’assenza della condotta lesiva e la violazione dell’esposto principio sono ravvisabili nel fatto che non risulta esser mai stato emesso il provvedimento, la cui mancata revoca viene indicata come fonte dell’obbligo risarcitorio. L’impugnata sentenza va, dunque, cassata, con assorbimento del motivo del ricorso principale relativo alle spese del giudizio. Non sussistendo la necessità di ulteriori accertamenti di merito, la causa, alla stregua delle considerazioni appena esposte, può esser decisa nel merito, ex art. 384 c.p.c., col rigetto del ricorso introduttivo del giudizio. In conseguenza, va rigettato il ricorso incidentale, volto da ottenere il maggior risarcimento (già, peraltro, liquidato secondo domanda), richiesto, nonostante il richiamo all’art. 96 c.p.c., in relazione all’allegato danno esistenziale, per il mancato utilizzo del veicolo.

Le spese, secondo il criterio legale della soccombenza, vanno poste a carico della Macelleria Venezia S.a.s. ed in favore della Gest Line e si liquidano, per il giudizio innanzi al Giudice di Pace, in Euro 600,00 di cui Euro 350,00 per onorari, oltre a spese generali e ad accessori e, per il presente giudizio di legittimità, in Euro 450,00, di cui Euro 350,00 per onorari, oltre a spese generali e ad accessori.

P.Q.M.

La Corte, riunisce i ricorsi, accoglie il terzo motivo del ricorso principale, inammissibile il primo ed il terzo, assorbito il quarto rigetta il ricorso incidentale, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso introduttivo del giudizio.

Condanna la Società Macelleria Venezia S.a.s. al pagamento, in favore della Gest Line, delle spese del giudizio, liquidate in Euro 600,00, oltre a spese generali e ad accessori per il giudizio innanzi al Giudice di Pace, ed in Euro 450,00, oltre a spese generali e ad accessori per il presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 10 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 settembre 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA