Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19307 del 10/09/2010

Cassazione civile sez. III, 10/09/2010, (ud. 08/07/2010, dep. 10/09/2010), n.19307

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. FILADORO Camillo – Consigliere –

Dott. FEDERICO Giovanni – rel. Consigliere –

Dott. AMATUCCI Alfonso – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 8306/2006 proposto da:

LLOYD ADRIATICO SPA (OMISSIS) in persona del suo legale

rappresentante pro tempore Dott. C.S.F., elettivamente

domiciliata in ROMA presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE,

rappresentata e difesa dall’avvocato BARBERA ROBERTO con studio in

10122 TORINO, VIA PIAVE 8, giusta delega a margine dell’atto di

citazione;

– ricorrente –

contro

CDM DI DESTEFANO FRANCESCO & C S.N.C. (OMISSIS) in persona del

legale rappresentante Sig. M.R., elettivamente domiciliato

in ROMA, VIA TOMMASO GULLI 11, presso lo studio dell’avvocato

SCHIAVETTI MARIA CHIARA, rappresentata e difesa dall’avvocato GERONI

Valeria giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1527/2005 del TRIBUNALE di TORINO, Sezione

Terza Civile, emessa il 25/2/2005, depositata il 28/02/2005, R.G.N.

13107/2004;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

08/07/2010 dal. Consigliere Dott. GIOVANNI FEDERICO;

udito l’Avvocato MARIA CHIARA SCHIAVETTI per delega dell’Avvocato

VALERIA GERONI;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CENICCOLA Raffaele, che ha concluso per l’inammissibilità.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 1527/05 il Tribunale di Torino rigettava l’appello proposto dalla Lloyd Adriatico s.p.a. avverso la sentenza pronunciata dal Giudice di pace di Torino, con cui era stata disattesa la domanda avanzata dalla suddetta impresa assicuratrice nei confronti della C.D.M. di Destefano Francesco & C. s.n.c. per ottenere il rimborso della somma di Euro 1.515,00 corrisposta a B.G. quale indennizzo per il furto, ad opera di ignoti, di oggetti vari commesso all’interno del camper di sua proprietà lasciato in deposito e custodia presso la C.D.M. dietro pagamento di canone semestrale.

Avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione la Lloyd Adriatico, con due motivi, mentre la C.D.M. ha resistito al gravame con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Va preliminarmente esaminata l’eccezione d’inammissibilità del ricorso sollevata dalla resistente, ai sensi dell’art. 365 c.p.c., per essere stato il ricorso stesso sottoscritto dal difensore in forza di una “delega 13/10/03 a margine dell’atto di citazione di primo grado”.

Tale eccezione è fondata.

Ed invero, l’art. 365 c.p.c., richiede espressamente, per l’introduzione del giudizio di cassazione, il conferimento a favore dell’avvocato iscritto all’apposito albo di una procura speciale che lo abiliti alla sottoscrizione del relativo ricorso, e tutto ciò a pena d’inammissibilità.

Ne consegue che nel giudizio di cassazione la procura speciale non può essere rilasciata a margine di atti diversi dal ricorso o dal controricorso, stante il tassativo disposto dell’art. 83 c.p.c., comma 3, che comporta la conseguente esclusione della possibilità di utilizzazione di atti diversi (nel caso di specie, l’atto di citazione del giudizio di primo grado) da quelli sopra indicati.

Il ricorso va, pertanto, dichiarato inammissibile, con la conseguente condanna della ricorrente alle spese del giudizio di cassazione, liquidate come in dispositivo.

PQM

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente alla rifusione in favore di controparte delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in Euro 1.100,00, di cui Euro 900,00 per onorari, oltre spese generali ed accessori come per legge.

Così deciso in Roma, il 8 luglio 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA