Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19286 del 10/09/2010

Cassazione civile sez. III, 10/09/2010, (ud. 24/06/2010, dep. 10/09/2010), n.19286

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. FEDERICO Giovanni – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. SPIRITO Angelo – rel. Consigliere –

Dott. AMBROSIO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

CROCE ROSSA ITALIANA, in persona del legale rappresentante pro-

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso gli UFFICI DELL’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, da cui è

difesa per legge.

– ricorrenti –

contro

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI (OMISSIS), in persona

del Direttore Generale Dr. A.D., elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZA FORLANINI 1, presso lo studio

dell’avvocato GAMBARDELLA VINCENZO, che lo rappresenta e difende

giusta procura in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1833/2004 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

Sezione Prima Civile, emessa il 2/04/2004, depositata il 19/04/2004;

R.G.N. 2536/2002.

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

24/06/2010 dal Consigliere Dott. ANGELO SPIRITO;

udito l’Avvocato Vincenzo GAMBARDELLA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

SORRENTINO Federico, che ha concluso per inammissibilità in

subordine rigetto.

La Corte:

 

Fatto

FATTO E DIRITTO

Rileva la domanda proposta dalla Croce Rossa Italiana contro l’Azienda Ospedaliere San Camillo Forlanini, per il pagamento di somme dovute per fornitura di emocomponenti, fu respinta dal Tribunale di Roma con sentenza poi confermata dalla Corte d’appello della stessa città, la quale ha ritenuto che il credito preteso non era stato provato (le fatture emesse e depositate non erano state integrate da idonea documentazione);

propone ricorso per cassazione la CRI a mezzo di quattro motivi.

L’Azienda Ospedaliera si difende con controricorso;

osserva:

il primo motivo censura la carenza della motivazione in ordine al fatto che le prestazioni della CRI avevano base normativa ed alla condotta processuale dell’Azienda convenuta;

il secondo motivo lamenta il fatto che la sentenza abbia negato efficacia probatoria alle fatture prodotte;

il terzo motivo censura la sentenza per avere ritenuto inammissibile il giuramento decisorio, pur avendo rilevato la mancanza della formulazione dei capitoli e dell’indicazione della formula di rito;

il quarto motivo lamenta che la sentenza non abbia rilevato che l’omessa produzione della documentazione non era imputabile alla CRI;

i motivi sono tutti infondati e manifestano difetto di specificità rispetto al tenore della decisione impugnata, la quale ha spiegato che l’attrice s’è limitata a produrre copie di fatture senza chiarire come fossero regolamentati i rapporti tra le parti, il prezzo delle prestazioni, le modalità di pagamento e, soprattutto, se effettivamente esistesse un rapporto avente ad oggetto le forniture in questione; ha altresì aggiunto che l’attrice non aveva neppure indicato il prezzo pattuito per le prestazioni stesse;

insomma, dalla motivazione della sentenza, che sostanzialmente non è contraddetta dai motivi di ricorso articolati, emerge l’assoluta assenza di prova a fondamento della domanda;

sicchè, il ricorso deve essere respinto, sussistendo i giusti motivi per l’intera compensazione delle spese del giudizio di Cassazione.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa interamente tra, le parti le spese del giudizio di Cassazione.

Così deciso in Roma, il 24 giugno 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA