Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19279 del 02/08/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 02/08/2017, (ud. 03/05/2017, dep.02/08/2017),  n. 19279

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BRONZINI Giuseppe – Presidente –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – rel. Consigliere –

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20518-2011 proposto da:

ALITALIA LINEE AEREE ITALIANE S.P.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

P.IVA (OMISSIS), in persona del Commissario Straordinario pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE GIULIO CESARE

21/23, presso lo studio dell’avvocato CARLO BOURSIER NIUTTA, che la

rappresenta e difende unitamente all’avvocato RAFFAELE DE LUCA

TAMAJO, giusta delega in atti;

– ricorrente –

e contro

O.S., + ALTRI OMESSI

– intimati –

avverso la sentenza n. 10749/2010 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 15/02/2011, R. G. N. 9585/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

03/05/2017 dal Consigliere Dott. MATILDE LORITO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

MATERA Marcello, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso;

udito l’Avvocato ANTONIO ARMENTANO per delega orale CARLO BOURSIER

NIUTTA.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La Corte d’Appello di Roma, con sentenza resa pubblica il 15/2/2011 dichiarava inammissibili gli appelli riuniti proposti da Alitalia-Linee Aeree s.p.a. nei confronti di O.S. e quindici litisconsorti avverso le sentenze del Tribunale di Roma nn. 17770, 17768, 17773, 17823, 17824/2007 con le quali era stata condannata al pagamento in favore dei dipendenti, di maggiorazioni retributive rivendicate in relazione alla indennità di volo ad essi spettante. Deducevano i giudici del gravame che gli atti di impugnazione erano stati depositati in data 28 ottobre e 31 ottobre 2008, oltre il termine annuale dal deposito delle sentenze di primo grado, perfezionato in data 16 ottobre 2007.

La cassazione di tale pronuncia è domandata dalla Alitalia-Linee Aeree s.p.a. in amministrazione straordinaria sulla base di unico motivo.

Le parti intimate non hanno svolto attività difensiva.

Il Collegio ha autorizzato la stesura di motivazione semplificata ai sensi del decreto del primo Presidente in data 14/9/2016.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. on unico motivo è denunciata violazione o falsa applicazione dell’art. 28 c.p.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4.

Sul rilievo della intervenuta collocazione in Amministrazione Straordinaria in data 29/8/2008 – accertata in forza di sentenza del Tribunale di Roma in data 5/9/2008 n. 287 versata in atti – la ricorrente deduce l’erroneità dell’impugnata sentenza per non aver disposto applicazione dei dettami di cui all’art. 328 c.p.c., comma 3, alla cui stregua “se dopo sei mesi dalla pubblicazione della sentenza si verifica alcuno degli eventi previsti nell’art. 299 c.p.c., il termine di cui all’articolo precedente è prorogato per tutte le parti di sei mesi dal giorno dell’evento”.

2. Il motivo è fondato.

Come è stato chiarito da questa Corte in numerosi approdi, la disposizione citata esprime la volontà del legislatore di adeguare il processo di impugnazione alle variazioni intervenute nelle posizioni delle parti, sia ai fini della notifica della sentenza che dell’impugnazione, con piena parificazione, a tali effetti, tra l’evento verificatosi dopo la sentenza e quello intervenuto durante la fase attiva del giudizio e non dichiarato nè notificato (cfr. Cass. 14/2/2007 n. 3351, in motivazione, Cass. 30/9/2009 n. 21031, Cass. 7/10/2011 n. 20611), con la conseguenza che l’impugnazione effettuata alla parte non più legittimata è affetta da nullità rilevabile d’ufficio e suscettibile di sanatoria.

3. Va inoltre, sempre in via di premessa rimarcato, che l’art. 328 c.p.c., si applica anche nel caso della perdita della capacità di stare in giudizio a seguito del fallimento di una delle parti (vedi Cass. 23/09/2016 n. 18759).

E’ stato al riguardo considerato come in base ad un risalente indirizzo di questa Corte, sia ammissibile il ricorso per Cassazione che sia stato proposto dopo il sessantesimo giorno dalla notificazione della sentenza di secondo grado, se, durante la decorrenza del termine per proporre ricorso, sia intervenuto il fallimento della controparte; ciò in quanto, ai sensi dell’art. 328 c.p.c., la dichiarazione di fallimento interrompe il termine predetto ed il nuovo termine decorre dal giorno in cui la notificazione della sentenza è stata rinnovata. Poichè non vi sono ragioni per ritenere che, nel caso di fallimento della parte destinataria dell’impugnazione, l’art. 328 c.p.c., trovi applicazione solo per il primo comma, e non anche per il terzo, si è affermata la applicabilità della disposizione anche alle ipotesi di instaurazione di procedura fallimentare nei confronti di una delle parti successivamente alla pubblicazione della sentenza (cfr. Cass. cit. n. 18759/2016).

E’ stato rilevato altresì, con riferimento alle società sottoposte alla procedura di amministrazione straordinaria, che le stesse difettino del potere di rappresentanza, trattandosi di soggetti che non hanno il libero esercizio dei propri diritti ex art. 75 c.p.c. (vedi sul punto Cass. 25/7/1996 n. 6720).

4. Nello specifico, l’evento previsto dall’art. 299 c.p.c. si era verificato per la società Alitalia, dopo sei mesi dalla pubblicazione della sentenza di primo grado (16/10/2007).

Dal momento in cui la società è stata collocata in Amministrazione Straordinaria, decorreva, quindi, il nuovo termine di impugnazione annuale (art. 327 c.p.c., nella versione di testo anteriore alla entrata in vigore della L. n. 69 del 2009).

Corollario di quanto sinora detto è che i ricorsi in appello, depositati in data 28-31/10/2008, erano da ritenersi tempestivi.

Erroneamente, dunque, la società è stata dichiarata decaduta dall’impugnazione.

5. Alla stregua delle superiori argomentazioni, il ricorso è accolto e la sentenza va cassata con rinvio alla Corte d’Appello designata in dispositivo che, applicando i summenzionati principi, provvederà a scrutinare la vicenda di merito provvedendo anche in ordine alle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

 

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del presente giudizio, alla Corte d’Appello di Roma in diversa composizione.

Motivazione semplificata.

Così deciso in Roma, il 3 maggio 2017.

Depositato in Cancelleria il 2 agosto 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA