Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19273 del 10/09/2010

Cassazione civile sez. III, 10/09/2010, (ud. 12/05/2010, dep. 10/09/2010), n.19273

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PREDEN Roberto – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. MASSERA Maurizio – Consigliere –

Dott. CHIARINI Maria Margherita – rel. Consigliere –

Dott. AMENDOLA Adelaide – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 5181/2006 proposto da:

M.G. (OMISSIS), M.B.

(OMISSIS) in proprio e nella qualità di eredi della sig.ra

P.M., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA VIRGILIO 38,

presso lo studio RONCHETTO-RANIERI, rappresentati e difesi

dall’avvocato MANNINO Giovanni giusta delega a margine del ricorso;

– ricorrenti –

contro

AXA ASS.NI S.P.A. già ABEILLE COMPAGNIA DI ASSICURAZIONI S.P.A.

(OMISSIS) in persona del suo legale rappresentante pro tempore

Dott. C.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

VESPASIANO 17-A, presso lo studio dell’avvocato INCANNO’ Giuseppe,

che la rappresenta e difende giusta delega in calce al controricorso;

– controricorrente –

e contro

P.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 67/2005 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

Sezione Seconda Civile, emessa il 4/1/2005, depositata il 18/01/2005,

R.G.N. 1551/2002;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

12/05/2010 dal Consigliere Dott. MARIA MARGHERITA CHIARINI;

udito l’Avvocato GIOVANNI MANNINO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

APICE Umberto, che ha concluso per il rigetto.

 

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con citazione del 14 marzo 2000 P.M., M.G. e B. convenivano dinanzi al Tribunale di Catania P. A. e la s.p.a. Abeille Assicurazioni chiedendone il risarcimento dei danni per la morte cagionata dal P.A., che, alla guida della sua auto, invadendo la corsia sinistra della carreggiata, aveva determinato lesioni gravissime, in conseguenza delle quali era deceduto, ad M.A., loro rispettivo marito e padre, che il ((OMISSIS)) viaggiava su un ciclomotore.

Il Tribunale rigettava la domanda per carenza di prova sul fatto.

La Corte di appello di Catania confermava il rigetto non avendo gli attori provato nè l’urto tra i veicoli, nè che la caduta a terra del M. fosse stata cagionata dalla condotta di guida del conducente, anzichè da un’ errata manovra del deceduto ovvero dalla sua perdita di equilibrio.

Ricorrono per cassazione P.M. e M. cui resiste la Axa assicurazioni s.p.a.. Le parti hanno depositato memoria.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1.- Con un unico, articolato motivo i ricorrenti deducono: “Omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia, prospettato dalle parti o rilevabile di ufficio (art. 360 c.p.c., n. 5)”.

La Corte ha omesso di considerare che lo stesso P.A. aveva ammesso di non aver tenuto la destra perchè soprapensiero e di non esser sicuro della segnaletica e che non ha escluso che il ciclomotore era strisciato sulla sua autovettura. Inoltre falsamente egli aveva dichiarato che il M. non gli aveva concesso la precedenza, mentre dalle lesioni da costui riportate si desume che è stato investito da tergo ed infatti il P.A., che procedeva a velocità sostenuta, aveva presentato denuncia cautelativa alla sua assicurazione. La teste Ca., nipote del deceduto, non era stata ascoltata e la perizia in sede penale resa dal Dott. G. era smentita da altra perizia secondo la quale non vi è prova che il M. fosse iperteso, mentre le sue dichiarazioni ai volontari della Misericordia e al P.S. erano state rese in stato confusionale.

Il motivo, che prospetta una diversa valutazione delle prove, stante la logicità e la congruenza della diffusa motivazione sentenza impugnata, è inammissibile.

Si compensano le spese del giudizio di cassazione con l’assicurazione Abeille.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Compensa le spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 12 maggio 2010.

Depositato in Cancelleria il 10 settembre 2010

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA