Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19252 del 22/09/2011

Cassazione civile sez. III, 22/09/2011, (ud. 19/05/2011, dep. 22/09/2011), n.19252

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIFONE Francesco – Presidente –

Dott. PETTI Giovanni Battista – Consigliere –

Dott. SPAGNA MUSSO Bruno – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 12647-2009 proposto da:

F.P., G.G., in proprio e nella qualità

di esercenti la potestà genitoriale sul minore F.R.

F., elettivamente domiciliati in ROMA, presso CANCELLERIA CORTE

DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’Avvocato RICCARDI

VINCENZO, con studio in NAPOLI, Corso A. Lucci 137;

– ricorrenti –

contro

UGF ASSICURAZIONI S.p.a. incorporato la WUINTHERTUR ASSICURAZIONI SPA

(OMISSIS), in persona della Dott.ssa G.G. quale

procuratorae ad negotia, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE

BRUNO BUOZZI 53, presso lo studio dell’avvocato RUSSO CLAUDIO, che la

rappresenta e difende giusta delega a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

ASL NA/(OMISSIS), GESTIONE LIQUIDATORIA EX USL (OMISSIS),

T.G.;

– intimati –

avverso la sentenza n. 1747/2008 della CORTE D’APPELLO di NAPOLI, 4^

Sezione Civile, emessa il 17/04/2008, depositata il 13/05/2008;

R.G.N. 186/2004.

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

19/05/2011 dal Consigliere Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO;

udito l’Avvocato CLAUDIO RUSSO;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FUCCI Costantino che ha concluso per l’inammissibilità o rigetto del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 13/5/2008 la Corte d’Appello di Napoli respingeva il gravame interposto dai sigg.ri F.P. e G. G., in proprio e nella qualità di esercenti la potestà genitoria sul minore R., in relazione alla pronunzia Trib.

Napoli n. 965/03 di parziale accoglimento della domanda di risarcimento danni proposta nei confronti della Gestione liquidatoria dell’ex USL (OMISSIS), dell’ASL Napoli (OMISSIS) e del medico T. G., che chiamava in garanzia la società Winthertur Assicurazioni s.p.a..

Avverso la suindicata pronunzia della corte di merito il F. e la G., in proprio e nella qualità, propongono ora ricorso per cassazione, affidato ad unico, motivo.

Resiste con controricorso la U.G.F. Assicurazioni s.p.a.

(incorporante la società Aurora Assicurazioni s.p.a., che aveva incorporato la Winthertur Assicurazioni s.p.a.).

Gli altri intimati non hanno svolto attività difensiva.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo i ricorrenti denunziano violazione e falsa applicazione e interpretazione di norme di legge (ex art. 360 c.p.c., n. 3).

Il ricorso è inammissibile, in applicazione dell’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 4, art. 366-bis e 375 c.p.c., comma 1 n. 5.

L’art. 366-bis c.p.c. dispone infatti che nei casi previsti dall’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 1, 2, 3 e 4 l’illustrazione di ciascun motivo deve, a pena di inammissibilità, concludersi con la formulazione di un quesito di diritto (cfr. Cass., 19/12/2006, n. 27130).

Orbene, nel caso, il motivo non reca invero il prescritto quesito di diritto.

La norma di cui all’art. 366 bis c.p.c. è d’altro canto insuscettibile di essere interpretata nel senso che il quesito di diritto possa, e a fortiori debba, desumersi implicitamente dalla formulazione del motivo, giacchè una siffatta interpretazione si risolverebbe nell’abrogazione tacita della norma in questione (v.

Cass. Sez. Un., 5/2/2008, n. 2658; Cass., Sez. Un., 26/03/2007, n. 7258).

Il motivo si palesa pertanto privo dei requisiti a pena di inammissibilità richiesti dai sopra richiamati articoli, nella specie applicantisi nel testo modificato dal D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40, essendo stata l’impugnata sentenza pubblicata successivamente alla data (2 marzo 2006) di entrata in vigore del medesimo.

All’inammissibilità del motivo consegue l’inammissibilità del ricorso.

Le spese, liquidate come in dispositivo in favore della controricorrente U.G.F. Assicurazioni s.p.a., seguono la soccombenza.

Non è viceversa a farsi luogo a pronunzia in ordine alle spese del giudizio di cassazione in favore degli altri intimati, non avendo i medesimi svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile. Condanna i ricorrenti al pagamento, in solido, delle spese del giudizio di cassazione, che liquida in complessivi Euro 4.200,00, di cui Euro 4.000,00 per onorari, oltre a spese generali ed accessori come per legge, in favore della controricorrente società U.G.F. Assicurazioni s.p.a..

Così deciso in Roma, il 19 maggio 2011.

Depositato in Cancelleria il 22 settembre 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA