Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19245 del 15/09/2020

Cassazione civile sez. lav., 15/09/2020, (ud. 09/01/2020, dep. 15/09/2020), n.19245

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto – Presidente –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. MANCINO Rossana – Consigliere –

Dott. CALAFIORE Daniela – rel. Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 16523-2014 proposto da:

I.N.P.S. – ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’Avvocatura

Centrale dell’Istituto, rappresentato e difeso dagli Avvocati SERGIO

PREDEN, LIDIA CARCAVALLO, ANTONELLA PATTERI, LUIGI CALIULO;

– ricorrente –

contro

L.F.V., elettivamente domiciliato in ROMA, LARGO BOCCEA

34, presso lo studio dell’avvocato ANNA RITA FERA, rappresentato e

difeso dall’avvocato CARMELO MATAFU’;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1149/2013 della CORTE D’APPELLO di MESSINA,

depositata il 21/06/2013 R.G.N. 942/2008.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la Corte d’appello di Messina, con sentenza n. 1149 del 2013, ha accolto l’appello proposto da L.F.V. (già dipendente di vari cantieri navali con mansioni di addetto al montaggio e smontaggio di carpenteria metallica in capannoni ed a bordo di navi) avverso la sentenza di primo grado che aveva rigettato la sua domanda volta al riconoscimento dell’esposizione all’amianto al fine di ottenere i benefici previsti dalla L. n. 257 del 1992, art. 13;

il primo giudice, posto che l’INAIL aveva riconosciuto l’esposizione qualificata solo per l’anno 1981 nel quale il L.F. aveva lavorato per la CO.M.ER.N., aveva rigettato la domanda non ritenendo integrata la prova dell’esposizione qualificata ultradecennale;

ad avviso della Corte territoriale, invece, tale prova doveva trarsi dal materiale probatorio offerto dall’istante sull’ambiente lavorativo in cui nel tempo lo stesso aveva operato e con gli altri elementi documentali ricavabili dalle certificazioni prodotte in giudizio e ciò pur dovendosi escludere dal periodo utile quello compreso tra il maggio 1987 ed il dicembre 1990, in cui il ricorrente aveva svolto attività autonoma;

in particolare, doveva riconoscersi l’effettiva esposizione qualificata all’amianto nel periodo di dipendenza presso la (OMISSIS) s.p.a., come si evinceva dal certificato rilasciato dall’Ispettorato Provinciale del lavoro, ai sensi del D.M. 27 ottobre 2004, trattandosi di impresa sottoposta a fallimento e definitivamente cessata, che attestava l’esposizione al rischio amianto nei periodi dal 14 gennaio 1971 al 28 agosto 1976 e dal 19 settembre 1977 al 30 novembre 1980, nei quali il L.F. aveva lavorato come carpentiere in ferro e che, sommati agli altri periodi prestati presso la CO.M.ER.N., presso la SMEB s.p.a. e presso la CO.L.MO.FER s.n.c., integravano il decennio richiesto;

avverso tale sentenza, ha proposto ricorso per cassazione l’Inps sulla base di un motivo: violazione del D.L. n. 269 del 2003, art. 47 conv. in L. n. 326 del 2003 e del D.M. 27 ottobre 2004, n. 16179 in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3, in ragione del fatto che il giudizio positivo sulla esposizione qualificata decennale era stato fondato sulla considerazione del certificato rilasciato dall’Ispettorato del lavoro del 22 giugno 2013 che, lungi dall’attestare l’esposizione qualificata, conteneva il solo curriculum aziendale riferito alla durata del rapporto di lavoro ed alle mansioni svolte (in ragione del disposto D.M. di attuazione art. 3, comma 5, della L. n. 326 del 2003, art6. 47 essendo fallita la società datrice di lavoro ed essendo pure cessata l’attività);

resiste L.F.V. con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

il motivo è da accogliere, anche se è necessario procedere ad una qualificazione del vizio di violazione di legge fatto valere, quanto alla norma di cui si assume la violazione, nel senso che ciò che in sostanza si denuncia è la violazione dell’art. 2729 c.c. in tema di presunzioni;

tale qualificazione è possibile in applicazione del consolidato principio espresso da questa Corte di legittimità (Cass. n. 21819 del 2017; n. 25044 del 2013; n. 17555 del 2013) secondo il quale, in tema di ricorso per cassazione, l’indicazione delle norme di legge che si assumono violate non costituisce requisito autonomo ed imprescindibile del ricorso, ma è solo funzionale a chiarirne il contenuto e a identificare i limiti della censura formulata, sicchè la relativa omissione può comportare l’inammissibilità della singola doglianza solo se gli argomenti addotti dal ricorrente non consentano di individuare le norme e i principi di diritto asseritamente trasgrediti, precludendo la delimitazione delle questioni sollevate;

il ricorrente, infatti, pur citando formalmente quale disposizione violata quella di cui alla L. n. 326 del 2003, art. 47 ha denunciato l’erroneo svolgimento da parte della sentenza impugnata del procedimento inferenziale secondo il quale il contenuto dell’attestato rilasciato al L.F. dall’Ispettorato Provinciale del Lavoro di Messina in data 22 giugno 2011, importerebbe, per via presuntiva, la dimostrazione dell’effettiva esposizione qualificata all’amianto;

si tratta, dunque, della affermata violazione del disposto dell’art. 2729 c.c. ed in tema di presunzioni, qualora il giudice di merito sussuma erroneamente sotto i tre caratteri individuatori della presunzione (gravità, precisione, concordanza) fatti concreti che non sono invece rispondenti a quei requisiti, il relativo ragionamento è censurabile in base all’art. 360 c.p.c., n. 3 (e non già alla stregua dello stesso art. 360, n. 5), competendo alla Corte di cassazione, nell’esercizio della funzione di nomofilachia, controllare se la norma dell’art. 2729 c.c., oltre ad essere applicata esattamente a livello di declamazione astratta, lo sia stata anche sotto il profilo dell’applicazione a fattispecie concrete che effettivamente risultino ascrivibili alla fattispecie astratta;

in particolare, questa Corte di legittimità (Cass. n. 2482 del 2019; Cass. n. 15454 del 2019) ha chiarito che l’art. 2729 c.c. ammette solo le presunzioni che abbiano i connotati della gravità, precisione e concordanza, laddove: la “precisione” va riferita al fatto noto (indizio) che costituisce il punto di partenza dell’inferenza e postula che esso non sia vago, ma ben determinato nella sua realtà storica; la “gravità” va ricollegata al grado di probabilità della sussistenza del fatto ignoto che, sulla base della regola d’esperienza adottata, è possibile desumere da quello noto; la “concordanza” richiede che il fatto ignoto sia, di regola, desunto da una pluralità di indizi gravi e precisi, univocamente convergenti nella dimostrazione della sua sussistenza, dovendosi tuttavia precisare, al riguardo, che tale ultimo requisito è prescritto esclusivamente nell’ipotesi di un eventuale, ma non necessario, concorso di più elementi presuntivi;

vale, dunque, il principio per cui “in tema di presunzioni, qualora il giudice di merito sussuma erroneamente sotto i tre caratteri individua-tori della presunzione (gravità, precisione e concordanza) fatti concreti che non sono invece rispondenti a quei requisiti, il relativo ragionamento è censurabile in base all’art. 360 c.p.c., n. 3 (e non già alla stregua dello stesso art. 360, n. 5), competendo alla Corte di cassazione, nell’esercizio della funzione di nomofilachia, controllare se la norma dell’art. 2729 c.c., oltre ad essere applicata esattamente a livello di proclamazione astratta, lo sia stata anche sotto il profilo dell’applicazione a fattispecie concrete che effettivamente risultino ascrivibili alla fattispecie astratta” (Cass. 16 novembre 2018, n. 29635, Cass. 4 agosto 2017, n. 19485; Cass. 26 giugno 2008, n. 17535);

in particolare il giudizio sulla “gravità” e “precisione” del ragionamento presuntivo, imposto dall’art. 2929 c.c., ha per oggetto la ricorrenza della inferenza probabilistica impostata dal giudice del merito per desumere dal fatto noto il fatto ignoto e si concretizza nel controllo, di stretta legittimità, in ordine all’effettiva sussistenza, secondo parametri di elevata probabilità logica insiti nei caratteri stessi di “gravita” e “precisione”, della massima di esperienza su cui si è basato quel ragionamento. Spetta infatti alla Corte di Cassazione il controllo su tale massima di esperienza, quale parametro di legittimità che la norma pone rispetto, in questo caso, alla valorizzazione della possibile connessione tra determinati fatti quale requisito idoneo a fondare, ai sensi degli artt. 2729 c.c. e ss., la prova presuntiva; in proposito, ritiene il collegio che desumere, senza ulteriori elementi fattuali, che il contenuto di un certificato rilasciato dall’Ispettorato del lavoro il 22 giugno 2013, attestante il servizio espletato dal L.F. presso la ditta (OMISSIS) s.p.a., possa far presumere che l’attività lavorativa in quella azienda abbia comportato l’elevata probabilità della esposizione qualificata all’amianto per un periodo ultradecennale, in quanto logicamente insostenibile, infici il primo elemento logico del ragionamento inferenziale e, pertanto, la presunzione costruita dal giudice del merito non rispetta il disposto dell’art. 2729 c.c.;

l’unico e decisivo ragionamento impostato dalla Corte territoriale risulta intrinsecamente viziato in iure e ciò comporta la cassazione della pronuncia, affinchè si proceda al riesame del merito rispetto alla effettiva esposizione qualificata all’amianto e cioè occorre procedere, ai sensi di cui alla L. n. 257 del 1992, art. 13, comma 8, all’accertamento del fatto costitutivo, relativo all’esposizione lavorativa ultradecennale ad amianto per un livello superiore a 100 fibre litro in rapporto ad un periodo lavorativo di otto ore; il giudice del rinvio regolerà anche le spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla Corte d’appello di Catania cui demanda anche la regolazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 9 gennaio 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA