Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 19243 del 15/09/2020

Cassazione civile sez. lav., 15/09/2020, (ud. 24/06/2020, dep. 15/09/2020), n.19243

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

Dott. BOGHETICH Elena – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9872-2019 proposto da:

D.C., C.A., D.G.G.,

F.C., G.S., tutti elettivamente domiciliati in ROMA,

VIA GERMANICO 172, presso lo studio dell’avvocato PIER LUIGI PANICI,

che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

– SDA EXPRESS COURIER S.P.A., in persona del legale rappresentante

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA POMPEO MAGNO,

23/A, presso lo studio dell’avvocato GIAMPIERO PROIA, che la

rappresenta e difende;

– POSTE ITALIANE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE EUROPA 190, c/o

L’AREA LEGALE TERRITORIALE CENTRO DI POSTE ITALIANE, rappresentata e

difesa dagli Avvocati DORA DE ROSE, ANNA MARIA ROSARIA URSINO;

– controricorrenti –

e contro

FALLIMENTO (OMISSIS) S.P.A.;

– intimato –

avverso la sentenza n. 1075/2019 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 06/03/2019 R.G.N. 3685/2018;

il P.M. ha depositato conclusioni scritte.

 

Fatto

RILEVATO

CHE:

1. con sentenza n. 1075 del 6.3.2019, la Corte di appello di Roma ha confermato la decisione del Tribunale della medesima sede che aveva dichiarato inammissibile la domanda proposta da D.C., C.A.R., G.S., D.G.G., F.C., ex dipendenti di (OMISSIS) s.p.a., nei confronti di Poste Italiane s.p.a. e SDA Express Courier s.p.a per intervenuta decadenza, L. n. 183 del 2010, ex art. 32, comma 4, lett. d), essendo decorso un termine superiore a 60 giorni tra la cessazione del rapporto di lavoro presso la società utilizzatrice SDA e l’impugnazione della liceità dell’appalto;

2. in sintesi, la Corte distrettuale rilevava che la società (OMISSIS) s.p:a. aveva concluso, nel 2002, un contratto di appalto con SDA per l’affidamento delle attività di call center per la gestione di tutte le problematiche afferenti il recapito dei pacchi postali, contratto cessato definitivamente il 30.6.2016 e in tale data comunicato ai lavoratori, i quali erano stati in pari data sospesi dal rapporto di lavoro da parte della (OMISSIS) e solo successivamente (il 29.7 o il 2.8) licenziati;

3. propongono ricorso i lavoratori affidandosi a due motivi, illustrati da memoria; la società SDA Express Courier resiste con controricorso; del pari, Poste Italiane s.p.a. resiste con controricorso; Fallimento (OMISSIS) s.p.a. è rimasto intimato;

4. il procuratore generale, con memoria del 27.5.2020, ha chiesto il rigetto del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

1. Con il primo motivo di ricorso si denunzia – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – violazione e falsa applicazione della L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 4, lett. d) e del D.Lgs. n. 81 del 2015, art. 39 per avere la Corte di appello erroneamente ritenuto che il decorso del termine di decadenza previsto dall’art. 32 citato potesse decorrere dalla data in cui i lavoratori avevano cessato di lavorare presso le società utilizzatrici piuttosto che dalla data in cui (OMISSIS) s.p.a. aveva comunicato il licenziamento collettivo, recesso immediatamente successivo alla perdita dell’appalto, impugnato sia nei confronti dell’appaltatore che dell’appaltante;

2. con il secondo motivo si denunzia – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 5 – nullità del procedimento e omesso esame di un fatto decisivo, avendo, la Corte distrettuale, omesso ogni pronuncia “sulla impugnativa nei 60 giorni sia dal licenziamento che dalla cessione della prestazione lavorativa nell’appalto della ricorrente D.”;

3. il ricorso è inammissibile in quanto non soddisfa il requisito dell’esposizione sommaria dei fatti di causa prescritto dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 3, essendo carente tale esposizione non solo nella premessa (composta da una pagina) del ricorso ma altresì nello svolgimento dei motivi;

4. secondo consolidato orientamento di questa Corte, il ricorso per cassazione, proposto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3 e 4, è inammissibile ove dalla sua lettura non sia possibile desumere una sufficiente conoscenza del “fatto”, sostanziale e processuale, al fine di comprendere il significato e la portata delle critiche rivolte alla sentenza impugnata, come nell’ipotesi in cui non vengano adeguatamente riportate nè la “ratio decidendi” della pronuncia del giudice, nè le ragioni di fatto e di diritto che sostenevano le rispettive posizioni delle parti nel giudizio di merito (Cass. n. 2831 del 2009; successivamente, sempre in senso conforme, cfr. Cass. n. 17036 del 2018, con ampia ricognizione di pronunce, che ribadisce il principio secondo cui la carente esposizione dei fatti di causa può essere sanata se i fatti sono chiaramente esposti nella illustrazione dei motivi);

5. il ricorso, complessivamente considerato, è sfornito della descrizione dei fatti che hanno ingenerato la controversia, della posizione delle parti, delle difese spiegate in giudizio dalle stesse, delle statuizioni adottate dal primo giudice e delle ragioni a esse sottese, dei motivi di reclamo (questi ultimi essenziali ai fini dell’apprezzamènto della censura di omessa pronuncia dedotta col secondo motivo) e, dunque, non consente di avere cognizione nè degli elementi di fatto e di diritto nè delle vicende del processo nè della portata delle critiche rivolte alla sentenza impugnata, creando una commistione, scarsamente comprensibile (proprio in quanto non supportata dalla descrizione del fatto sostanziale), tra licenziamento e cessazione della prestazione di lavoro presso la/le società utilizzatrice/i, con impossibilità di comprendere altresì la pertinenza dei precedenti giurisprudenziali richiamati nel primo motivo;

6. questa Corte ha, altresì, precisato che i requisiti di contenuto-forma previsti, a pena di inammissibilità, dall’art. 366 c.p.c. devono essere assolti necessariamente con il ricorso e non possono essere ricavati da altri atti, come la sentenza impugnata o il controricorso (cfr. da ultimo, Cass. n. 29093 del 2018);

7. entrambi i motivi sono, inoltre, prospettati con modalità non conformi al principio di specificità dei motivi di ricorso per cassazione, secondo cui parte ricorrentè avrebbe dovuto, quantomeno, trascrivere nel ricorso il contenuto della lettera di impugnazione dei lavoratori (di settembre 2016), fornendo al contempo alla Corte elementi sicuri per consentirne l’individuazione e il reperimento negli atti processuali, potendosi solo così ritenere assolto il duplice onere, rispettivamente previsto a presidio del suddetto principio dall’art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, e dall’art. 369 c.p.c., comma 2, n. 4 (Cass. n. 3224 del 2014; Cass. SU n. 5698 del 2012; Cass. SU n. 22726 del 2011), posto che la sentenza impugnata rileva che da tale lettera si evince chiaramente la consapevolezza dei lavoratori circa la interruzione del rapporto di lavoro con il committente-utilizzatore (e, dunque, la scissione temporale tra tale momento e quello, distinto e successivo, della cessazione del rapporto con il datore di lavoro formale);

8. in conclusione, il ricorso va dichiarato inammissibile e le spese di lite seguono il criterio della soccombenza dettato dall’art. 91 c.p.c.;

9. sussistono i presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato previsto dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 (legge di stabilità 2013) pari a quello – ove dovuto – per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese di lite del presente giudizio di legittimità liquidate in Euro 200,00 per esborsi e in Euro 4.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% ed accessori di legge a favore di ciascun controricorrente.

Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis se dovuto.

Così deciso in Roma, nell’Adunanza camerale, il 24 giugno 2020.

Depositato in Cancelleria il 15 settembre 2020

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA